Matematica e lettura: così la pandemia ha azzerato due decenni di progressi

Matematica e lettura: così la pandemia ha azzerato due decenni di progressi

Il New York Times ha reso noti i risultati di un test commissionato negli Usa dal National Center for Education Statistics e condotto su un campione di 14.800 bambini di 9 anni

effetti pandemia bambini capacita matematica lettura

 Scuola

AGI - La pandemia? Ha cancellato due decenni di progressi in matematica e nella lettura pratica e corrente. Accade negli Stati Uniti e lo racconta il New York Times nell’illustrare i risultati di un test nazionale che hanno evidenziato quanto siano stati devastanti gli ultimi due anni per gli scolari di 9 anni, specie i più vulnerabili. In particolare, per ciò che riguarda le prestazioni in matematica e i punteggi in lettura, “scesi ai livelli di due decenni fa”.

Il calo, secondo il quotidiano, ha riguardato quasi tutte le componenti sociali ed etniche e anche tutti i livelli di reddito ed è stato nettamente peggiore per gli studenti con i risultati più bassi.

"Sono rimasto sbalordito dalla portata e dall'entità del declino", ha affermato Peggy G. Carr, commissario del National Center for Education Statistics, l'agenzia federale che ha dato disposizione di monitorare i ragazzi all'inizio di quest'anno. I test sono stati sottoposti a un campione nazionale di 14.800 bambini di 9 anni e sono stati confrontati con i risultati dei test effettuati dalla stessa fascia di età all'inizio del 2020, poco prima che la pandemia prendesse piede negli Stati Uniti. I risultati erano altalenanti e divergenti anche prima della pandemia, ma ora "gli studenti in fondo stanno cadendo più velocemente", ha osservato il dottor Carr.

In matematica, gli studenti neri hanno perso 13 punti, rispetto ai cinque punti degli studenti bianchi, ampliando il divario tra i due gruppi. La ricerca ha poi documentato anche il profondo effetto che la chiusura delle scuole ha avuto sugli studenti a basso reddito e sugli studenti neri e ispanici. E il calo dei punteggi dei test “significa che mentre molti bambini di 9 anni possono dimostrare una comprensione parziale di ciò che stanno leggendo, meno possono dedurre i sentimenti e gli atteggiamenti di un personaggio da ciò che hanno letto. In matematica, gli studenti possono conoscere semplici fatti aritmetici, ma meno possono aggiungere frazioni con denominatori comuni”, riferisce il quotidiano.

"Questo è un test che può parlare apertamente ai leader federali e statali in modo chiaro su quanto lavoro dobbiamo ancora fare", ha affermato Andrew Ho, professore di educazione ad Harvard ed esperto di test sull'istruzione che in precedenza ha fatto parte del consiglio di amministrazione che sovrintende all'esame.

Storicamente, si osserva, “i punteggi in lettura, e in particolare in matematica, hanno generalmente avuto una tendenza al rialzo o sono rimasti stabili da quando il test è stato svolto per la prima volta all'inizio degli anni '70. Ciò includeva un periodo di forti progressi dalla fine degli anni '90 alla metà degli anni 2000”.

Il governo federale ha stanziato 122 miliardi di dollari per aiutare gli studenti

Ma nell'ultimo decennio circa, i punteggi degli studenti si erano stabilizzati piuttosto che aumentati, mentre i divari tra studenti con prestazioni basse e ad alte prestazioni si erano ampliati. Poi è arrivata la pandemia, che ha chiuso le scuole in tutto il paese quasi dall'oggi al domani. Gli insegnanti hanno tenuto lezioni su Zoom e gli studenti si sono rimasti a casa, lottando per imparare online. In alcune parti del paese, la peggiore delle interruzioni è stata di breve durata, con la riapertura delle scuole in autunno. Ma in altre aree, in particolare nelle grandi città con una grande popolazione di studenti a basso reddito e studenti di colore, le scuole sono rimaste chiuse per molti mesi e alcune non hanno riaperto completamente fino all'anno scorso.

I test nazionali, ha analizzato il dottor Ho, raccontano la storia di un "decennio di progresso", seguito da un "decennio di disuguaglianza" e poi dallo "shock" della pandemia, che è arrivato con uno-due. "Ha cancellato i progressi e ha esacerbato la disuguaglianza", ha detto il dottor Andrew Ho. "Ora abbiamo materiale e indicazioni su cui lavorare nel prossimo futuro", ha concluso.

Nel frattempo, il governo federale ha stanziato 122 miliardi di dollari per aiutare gli studenti a riprendersi, il più grande investimento singolo nelle scuole americane, e almeno il 20% di quei soldi deve essere speso per il recupero accademico. 

Eppure alcune scuole hanno avuto difficoltà ad assumere insegnanti, per non parlare dei tutor, e altre potrebbero aver bisogno di spendere molto più del 20% dei loro soldi per colmare divari e grandi lacune.