Come snack e bibite zuccherate possono aumentare i rischi di demenza

Come snack e bibite zuccherate possono aumentare i rischi di demenza

Uno studio della Tianjin Medical University in Cina ha analizzato un campione di oltre 72mila persone con un'età media di 62 anni in base alle loro abitudini alimentari 

salute studio rischio demenza snack bibite

© Johner Images RF / AGF 
-

AGI - Una dieta molto ricca di alimenti ultra-elaborati, quali cibi in scatola, salse, bibite e snack salati, è associata a un rischio più elevato di demenza. A dirlo, uno studio longitudinale condotto dalla Tianjin Medical University in Cina e riportato su Neurology.

La sostituzione "del 10% del peso degli alimenti ultra-lavorati con una proporzione equivalente di alimenti non trasformati o minimamente trasformati" riduce drasticamente il rischio stimato di demenza, spiega Yaogang Wang, della Tianjin Medical University in China.

Gli alimenti ultra-elaborati, cioè ricchi di zuccheri aggiunti, grassi e sale e poveri di proteine e fibre includono bibite, snack salati e zuccherati, gelati, salsicce, pollo fritto, yogurt, fagioli in scatola e pomodori, ketchup, maionese, guacamole e hummus confezionati, hanno osservato i ricercatori.

"Questi alimenti possono anche contenere additivi alimentari o molecole da imballaggi o prodotti durante il riscaldamento, che hanno tutti dimostrato in altri studi di avere effetti negativi sul pensiero e sulle capacità di memoria", sostiene il co-autore dello studio, Huiping Li dell'Università di Medicina di Tianjin.

"I nostri risultati mostrano anche un aumento di soli 50 grammi al giorno di alimenti non trasformati o minimamente trasformati, che equivale a mezza mela, una porzione di mais o una ciotola di crusca, e contemporaneamente una riduzione di 50 grammi al giorno di alimenti ultra-lavorati, equivalente a una barretta di cioccolato o a una porzione di bastoncini di pesce, è associato a una riduzione del 3% del rischio di demenza", ha aggiunto Li.

Ai fini della ricerca, Wang e coautori hanno valutato 72.083 persone nello studio della biobanca britannica che avevano 55 o più anni e non avevano demenza al basale.

I partecipanti hanno avuto almeno due valutazioni dietetiche valide di 24 ore utilizzando il questionario Oxford WebQ nel periodo 2009-2012. I ricercatori hanno applicato il framework NOVA, un sistema di classificazione degli alimenti in base alla quantità di lavorazione industriale a cui sono sottoposti, ai dati del questionario dietetico e hanno raggruppato i partecipanti in quartili.

Gli alimenti ultra-elaborati erano una mediana dell'8,6% della dieta quotidiana di un partecipante nel quartile più basso e del 27,8% nel quartile più alto. I gruppi di alimenti che hanno contribuito maggiormente all'elevata assunzione di cibo ultra-elaborato sono stati le bevande (34%), i prodotti zuccherati (21%), i latticini ultra-lavorati (17%) e gli snack salati (11%).

L'età media dei partecipanti era 62 anni; circa il 53% erano donne e il 93% erano bianchi. Il follow-up mediano è stato di 10 anni. In quel periodo, 518 persone hanno sviluppato demenza, di cui 287 con malattia di Alzheimer e 119 con demenza vascolare.

Nel quartile più basso, 105 persone hanno sviluppato demenza, rispetto a 150 persone nel quartile più alto. Un aumento del 10% degli alimenti ultra-lavorati ha aumentato il rischio di demenza per tutte le cause del 25%, di demenza vascolare del 28% e del morbo di Alzheimer del 14%.

La sostituzione del 20% del peso del cibo ultra-elaborato con una proporzione equivalente di cibo non trasformato o minimamente trasformato ha portato a un rischio inferiore del 34% di demenza e del 39% in meno di demenza vascolare, ma non ha influenzato in modo significativo il rischio di Alzheimer.

L'analisi aveva diversi limiti, hanno osservato i ricercatori. Potrebbe essersi verificata una classificazione errata e alcuni alimenti come lo yogurt possono avere più o meno lavorazione, per esempio. Sono necessarie quindi ulteriori ricerche per indagare l'associazione tra cibi lavorati e demenza.