In piazza a Rieti il primo busto dedicato a Craxi
ESCLUSIVA AGI

In piazza a Rieti il primo busto dedicato a Craxi

Il sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, spiega all'AGI: "Nel 2001, quando già guidavo l'amministrazione, ho intitolato una piazza a Craxi, ora completo l'opera". E sulle polemiche: "Non mi importa. Vent'anni fa non ce ne furono"

rieti primo busto piazza bettino craxi

Bettino Craxi

AGI - Il 2 giugno a Rieti sarà inaugurato un busto per ricordare Bettino Craxi. È il primo in una piazza di una città italiana. Sotto la scultura sarà scritto: "Allo Statista Bettino Craxi. A ricordo della 'notte di Sigonella' quando, con fermezza di carattere e tempestivita' di decisioni, dimostrò spiccato senso patriottico. E ricordò al mondo intero che si può essere alleati di qualcuno senza diventarne sudditi".

Il sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, spiega all'AGI: "Nel 2001, quando già guidavo l'amministrazione, ho intitolato una piazza a Craxi, ora completo l'opera". Ci saranno polemiche? "Non mi importa - aggiunge Cicchetti - Vent'anni fa non ce ne furono, soprattutto perché tutti quelli di sinistra speravano di catturare i voti dei socialisti". Alla cerimonia parteciperanno anche la presidente della Commissione Esteri del Senato, Stefania Craxi, e i rappresentanti dell'associazione 'Amici de Il garofano rosso'.

"Ringraziamo il sindaco di Rieti Cicchetti - dice il segretario, Roberto Giuliano - La scelta di individuare per l'inaugurazione il 2 Giugno, Festa della Repubblica, è un riconoscimento postumo all'uomo, al socialista, allo statista che è stato perseguitato ingiustamente dalla magistratura politicizzata, da forze politiche complici sedicenti democratiche e dal combinato disposto dei media con i poteri finanziari nazionali per svendere le aziende pubbliche".

Giuliano aggiunge: "Ancora ad oggi siamo in attesa di una commissione d'inchiesta parlamentare che faccia luce su quel periodo buio della nostra storia che e' stata chiamata eufemisticamente Mani Pulite, ed ancora oggi paghiamo gli effetti tossici di quella stagione che ha impoverito il Paese".