Un 31enne è finito agli arresti domiciliari per aver aggredito sessualmente una collega

Un 31enne è finito agli arresti domiciliari per aver aggredito sessualmente una collega

L'uomo ha provocato alla donna, che aveva rifiutato le sue avances, la frattura del naso, ecchimosi periorbitarie e contusioni al bacino. Provvidenziale è stato l'intervento di un vicino di casa

violenza sessuale arresti domiciliari uomo aggressione collega

Auto della polizia

AGI - È finito agli arresti domiciliari un 31enne, indagato dalla procura di Tivoli, per i reati di violenza sessuale e lesioni personali ai danni di una collega di lavoro, avvenuti a Guidonia Montecelio nella notte tra il 23 e il 24 dicembre scorso. 

Le indagini hanno permesso di accertare i gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell'uomo, il quale dopo aver tentato delle avances, non corrisposte, nella nottata, al termine del lavoro, si era presentato "come una furia" sotto l'abitazione della ragazza.

Risulta dall'ordinanza del Gip che, dopo aver afferrato e scaraventato fuori dall'autovettura la donna, nonostante le sue urla e la disperata resistenza, il 31enne l'ha aggredita sessualmente, provocandole con un bloccasterzo la frattura del naso, ecchimosi periorbitarie e contusioni al bacino, lesioni giudicate guaribili in trenta giorni.

Provvidenziale è risultato l'intervento di un vicino di casa che riusciva a sottrarre la ragazza dalla furia dell'uomo, inducendolo a desistere.