Diciassettene strangolato per gelosia in ostello a Trieste

Diciassettene strangolato per gelosia in ostello a Trieste

Fermato un ventenne, fra i due sarebbe scoppiata una lite furibonda per una ragazza

diciassettenne strangolato gelosia

© carabinieri 
- carabinieri 

AGI - R.T., 17 anni, di origine straniera, è stato trovato cadavere ieri sera  nell'androne di un ostello della gioventù situato in palazzo della centrale via Rittmeyer 13 a Trieste: è un omicidio che ha motivi passionali.

I carabinieri del comando provinciale di Trieste indagano battendo prevalentemente questa pista.

E' stato fermato un ragazzo di pochi anni più grande della vittima. Un 20enne che, secondo una prima ricostruzione, nel corso di una furibonda lite avrebbe strangolato il rivale.

Innamorati della stessa ragazza, i due si sarebbero affrontati per gelosia.

Nella notte in caserma il fermato avrebbe già reso delle dichiarazioni spontanee. Le indagini sono coordinate dalla procura. 

"Mio figlio è stato vittima di un'imboscata". Lo ha detto al telefono Peter, il padre di Robert, 17 anni, di origini serbe, la vittima. "Robert - spiega il padre - aveva un appuntamento con la sua ragazza in una struttura ricettiva. L'ex fidanzato della ragazza, un ventenne di origini marocchine, era geloso. Gli ha teso un'imboscata. Robert aveva avvisato che stava arrivando dal rione di San Giacomo. L'ex ragazzo si trovava con la giovane. Quindi è sceso, gli sarebbe andato incontro e l'avrebbe strangolato. C'era anche un romeno con lui. Non si sa se l'hanno messo in macchina o se l'hanno strangolato subito".