Cresce l'allarme incendi, i prossimi giorni saranno ad altissimo rischio

Cresce l'allarme incendi, i prossimi giorni saranno ad altissimo rischio

Le alte temperature e i venti forti rendono complicato il lavoro di chi deve spegnere i roghi. In provincia di Reggio Calabria la situazione continua a essere preoccupante

allarme incendi protezione civile aspromonte

© Vigili del Fuoco - Gli incendi nell'Oristanese ripresi da un velivolo dei Vigili del Fuoco

AGI - Ennesima giornata drammatica sul fronte degli incendi nel centro-sud dell'Italia. Le alte temperature e i venti forti rendono complicato il lavoro di chi deve spegnere i roghi. In provincia di Reggio Calabria la situazione continua a essere preoccupante. Il fronte del fuoco su San Luca, nella Locride, avanza ed è molto vicino alle Foreste Vetuste nel Parco Nazionale dell'Aspromonte, da poco inserite nel patrimonio Unesco.

È in corso una mobilitazione massiccia di uomini e mezzi, con tantissimi volontari. È stato chiesto anche il supporto dell'esercito per salvare le Foreste vetuste. Situazione critica pure nell'area Grecanica. Oggi è tornato a bruciare il Vesuvio. A Torre del Greco (Napoli) le fiamme hanno prima avvolto alcune sterpaglie in via Ruggiero, poi spinte dal vento hanno coinvolto ampie zone di macchia mediterranea, pino e oleandri. Poi, spinte dal vento e dalle alte temperature di questi giorni, hanno circondato due abitazioni che sono state evacuate. Un altro incendio che desta preoccupazione e' segnalato in Toscana, in localita' il Colle nel comune di Quarrata (Pistoia).

allarme incendi protezione civile aspromonte
© Pierpaolo Scavuzzo/AGF
Il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio

Le previsioni meteo dei prossimi giorni non annunciano nulla di buono tanto che è lo stesso Capo Dipartimento Protezione Civile, Fabrizio Curcio, a lanciare l'allarme: "Il nostro Paese sarà interessato da temperature molto elevate condizione che faciliterà la propagazione di incendi boschivi su tutto il territorio. A partire da oggi le temperature subiranno un aumento su tutto il Centro-Sud, raggiungendo valori elevati nelle giornate di martedì 10 e mercoledì 11 agosto. In queste due giornate le località interne della Sicilia e della Sardegna registreranno valori prossimi ai 45 C".

Curcio ha ricordato che "sul fronte della lotta agli incendi boschivi abbiamo alle spalle giornate impegnative e drammatiche e le temperature che ci attendiamo nei prossimi giorni ci impongono la massima attenzione. Il Dipartimento, assieme a tutto il Servizio Nazionale e la flotta di Stato sono al lavoro senza sosta per contenere i roghi che stanno interessando il Centro-Sud. Squadre a terra e canadair sono, anche oggi, fortemente impegnati in Calabria, regione dove purtroppo nei giorni scorsi abbiamo registrato due vittime. Non faremo mancare il nostro supporto alle regioni maggiormente colpite da questi eventi e come sempre chiediamo ai cittadini la massima collaborazione e cautela. È fondamentale evitare ogni comportamento che possa generare incendi - ha concluso Curcio - e segnalare tempestivamente anche roghi di piccola entità".

Parlando di incendi, nuovo richiamo del vescovo di Cefalù, monsignor Giuseppe Marciante, durante l'omelia per i festeggiamenti del Santissimo Salvatore di Cefalù: "Chi si macchia di tale reato si pone fuori dalla comunione della Chiesa in quanto ha commesso un crimine contro il Creatore mettendo a rischio la vita delle persone e la distruzione del bene ambientale prezioso per la sopravvivenza di tutte le sue creature" 

E ancora: "Purtroppo i tristi episodi dei funesti incendi, ad opera di mani criminali, di questi giorni caldi di agosto - ha continuato il presule - mi spingono a pensare che ci troviamo di fronte a un pianificato disegno di desertificazione della nostra terra a vantaggio di sporchi interessi economici verso destinatari che per il nostro colpevole silenzio resteranno anonimi". Per questo motivo la diocesi destinerà, tramite la Caritas diocesana, la colletta di oggi per aiutare chi ha subito gravi danni dagli incendi. 

Draghi firma il Dpcm per la mobilitazione della protezione civile

Continua l’impegno della Flotta aerea dello Stato e delle squadre di terra nella lotta agli incendi boschivi. Ad oggi sono oltre 900 le richieste di concorso aereo giunte al Centro Operativo Aereo Unificato (Coau) del Dipartimento. Interessate soprattutto le regioni del Centro-Sud.

In queste ore l’attenzione massima è sulla Calabria, la cui situazione complessa ha portato la Regione ad avanzare una richiesta di supporto. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il Dpcm con la dichiarazione dello stato di mobilitazione nazionale del Sistema di Protezione Civile.

Il Dipartimento è dunque al lavoro per coordinare l’invio di volontari, delle organizzazioni nazionali e delle colonne mobili regionali, che opereranno a supporto delle attività di spegnimento dei roghi. Solo oggi dalla Calabria sono state 8 le richieste di concorso aereo avanzate al Centro Operativo Aereo Unificato (Coau) del Dipartimento, a cui si sommano le 6 della Sicilia, 4 del Lazio, 2 della Sardegna, 2 della Basilicata, 2 della Campania, 2 del Molise, una dell’Umbria e una dell’Abruzzo.

Secondo i dati disponibili alle ore 17.00 sono, quindi, 28 le richieste giunte, di cui 12 roghi risultano messi sotto controllo o spenti. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza.