agi live
L'Rt in Italia balza all'1,57, l'incidenza è a 58 casi

L'Rt in Italia balza all'1,57, l'incidenza è a 58 casi

Bozza Iss: "La circolazione della variante delta è in aumento e predominante. Accelerare con la copertura vaccinale"

Covid Rt Italia sale 1,57 incidenza 58

© Filippo MONTEFORTE / AFP 
- Tamponi per il Covid 19
 

AGI - Sale ancora, e per la quarta settimana consecutiva, l'indice Rt in Italia, che nell'ultimo monitoraggio segna 1,57 contro l'1,26 della scorsa settimana. Su anche l'incidenza settimanale che passa da 40 a 58 casi per centomila abitanti. è quanto si apprende dalla cabina di regia per il monitoraggio Covid, riunita questa mattina come ogni venerdì.

In particolare, si legge nella bozza dell'Iss, nel periodo 06-20 luglio, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,57 (range 1,34- 1,82), in forte aumento rispetto alla settimana precedente e sopra uno. Si osserva in maniera analoga un aumento dell'indice di trasmissibilita' basato sui casi con ricovero ospedaliero che passa all'1,16 all'1,46. Sono 20 le Regioni classificate a rischio moderato e una (il Molise) a rischio basso. Nessuna Regione, invece, supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 2%, con un lieve aumento nel numero di persone ricoverate che passa da 165 (20/07/2021) a 189 (27/07/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 3%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 1.194 della settimana scorsa a 1.611.

Quanto alla  "circolazione della variante Delta è in aumento in Italia ed è ormai prevalente. Questa variante ha portato a un aumento dei casi in altri Paesi con alta copertura vaccinale, pertanto è opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi".  Secondo la bozza, dunque, "è necessario accelerare i tempi per raggiungere una elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenute da varianti emergenti con maggiore trasmissibilita'".