Il 92% degli studenti è stato ammesso all'esame di maturità

Il 92% degli studenti è stato ammesso all'esame di maturità

Appuntamento alle 8 e 30 con la prova orale per oltre mezzo milione di studentesse e studenti. Il saluto del ministro Bianchi: "Dovete anche fare un esame a voi stessi, per capire cosa avete imparato, cosa avete fatto, ma anche come vi siete trasformati in questi cinque anni"

studenti ammessi maturità

© Danilo Garcia Di Meo / AGF 
- L'esame di maturità nel liceo artistico di Roma Enzo Rossi 

AGI - Alla maturità che prende l'avvio mercoledì con oltre mezzo milione di candidate e candidati, è stato ammesso il 96,2% delle studentesse e degli studenti. Lo rende noto il ministero dell'Istruzione. L'appuntamento è per le 8.30, con la prova orale. Anche quest'anno, come lo scorso anno, le commissioni sono presiedute da un Presidente esterno all'istituzione scolastica e sono composte da sei commissari interni. In particolare, le commissioni saranno 13.353, per un totale di 26.555 classi coinvolte.

Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ha inviato un video di saluto alle maturande e ai maturandi sui suoi canali social: "Anche in quest'anno così difficile siamo arrivati al momento dell'esame - ha sottolineato - è un momento importante, perché è un momento di passaggio. È il momento in cui farete l'esame, ma dovete anche fare un esame a voi stessi, per capire cosa avete imparato, cosa avete fatto, ma anche come vi siete trasformati, come siete cambiati in questi cinque anni".

L'esame, ha proseguito, "fatelo con tutta l'attenzione che richiede un momento di così grande rilievo nella vita. Ma fatelo anche con la gioia di andare in una nuova fase. Fatelo facendo un sorriso a tutti i vostri compagni, ai vostri insegnanti e pensando che comincia veramente una nuova pagina. Forza ragazze, forza ragazzi!".

Queste le percentuali di non ammessi e ammessi nelle singole Regioni: Piemonte 3,60% - 96,40%; Lombardia 3,50% - 96,50%; Trentino-Alto Adige 3,40% - 96,60%; Veneto 2,90% - 97,10%; Friuli-Venezia Giulia 3,60% - 96,40%; Liguria 5,20% - 94,80%; Emilia-Romagna 4,00% - 96,00%; Toscana 4,50% - 95,50%; Umbria 4,10% - 95,90%; Marche 3,30% - 96,70%; Lazio 3,60% - 96,40%; Abruzzo 3,90% - 96,10%; Molise 2,90% - 97,10%; Campania 2,40% - 97,60%; Puglia 4,30% - 95,70%; Basilicata 3,10% - 96,90%; Calabria 4,00% - 96,00%; Sicilia 4,80% - 95,20%; Sardegna 8,50% - 91,50%. Quindi in Italia complessivamente 3,80% i non ammessi, 96,20% gli ammessi.