La  polemica sulla presentazione del libro di Giorgia Meloni in una scuola di Messina

La  polemica sulla presentazione del libro di Giorgia Meloni in una scuola di Messina

Monta la protesta dopo che in un istituto di Messina è circolato l'invito 'obbligatorio' a partecipare a un incontro con la leader di Fratelli d'Italia. La protesta di allievi e genitori: "Serve un contraddittorio". FdI smentisce: "Mai ricevuto invito da quella scuola"

questione presentazione libro Giorgia Meloni scuola messina

© Minichiello / AGF  - Giorgia Meloni

AGI - Il libro di Giorgia Meloni, "Io sono Giorgia", entra nella scuola italiana insieme con l'autrice, e lo fa partendo dall'Istituto tecnico economico statale "Antonio Maria Jaci" di Messina, dove il prossimo 25 maggio "l'intera comunità scolastica", recita una circolare, è tenuta a partecipare a un incontro in modalità on line con la leader di Fratelli d'Italia: chi non lo farà, non avrà i crediti formativi previsti.

"I docenti - si legge nella circolare - vigileranno sugli alunni in presenza, provvederanno a mantenere il collegamento all'incontro per tutta la sua durata; avranno cura di rilevare le presenze degli alunni, valide come Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento, ndr) e di riferirle successivamente ai tutor di competenza". A firmare la circolare, numero 233, è il dirigente scolastico Maria Rosaria Sgrò. All'incontro, afferma ancora la circolare, parteciperà anche la parlamentare Ella Bucalo, responsabile scuola di Fratelli d'Italia. Nella circolare Meloni è indicata come "parlamentare e scrittrice".

Saputa della circolare, diramata ieri, la protesta monta tra studenti e genitori. "Mio figlio, 17 anni, egiziano, musulmano, arrivato sulle costa siciliana con il barcone, in affido da 6 anni ad una famiglia non tradizionale (io e il mio compagno non siamo sposati), ha l'OBBLIGO da parte della scuola superiore cittadina, che frequenta con ottimi risultati, di partecipare alla presentazione del libro della signora Meloni, pena assenza da giustificare", afferma Dinah Caminiti, che all'AGI aggiunge: "Mio figlio parteciperà, ma io sono per il contraddittorio e non sono per la censura. Mio figlio non ha paura della Meloni, ma ci deve esser un contraddittorio. Vi sono interventi organizzati ma nessuno dei ragazzi è stato chiamato a intervenire nè altri scrittori di appartenenza politica opposta a quella dell'onorevole Meloni.

Fratelli d'Italia, dal canto suo, ha smentito. "In riferimento alle notizie apparse oggi su alcuni media - si legge in una nota - si smentisce categoricamente la partecipazione del Presidente Giorgia Meloni alla presentazione del libro organizzata dall’Istituto “Antonio Maria Jaci” di Messina per il prossimo 25 maggio. Si precisa, inoltre, che il presidente Meloni non ha mai neanche ricevuto un invito a questa iniziativa e non avrebbe in ogni caso accettato, ritenendo da sempre che la presenza degli esponenti politici nelle scuole non possa essere in alcun modo imposta agli studenti".

Sulla vicenda è intervenuta anche il presidente dell'Anpi, Gianfranco Pagliarulo: "Non può sfuggire la gravità e la sconcertante singolarità del fatto: è inammissibile che la leader nazionale di un partito, nonché parlamentare in carica, sia protagonista di un incontro con studenti e insegnanti; ciò produrrebbe un precedente didattico che va bloccato".