Ema assicura che fare il richiamo di Pfizer a 42 giorni "non è un problema"

Ema assicura che fare il richiamo di Pfizer a 42 giorni "non è un problema"

Un intervallo prolungato fino a 42 giorni non sarebbe una deviazione dalla raccomandazione e non verrebbe considerato come un uso del vaccino fuori dalle condizioni autorizzate, dice Marco Cavaleri

Vaccino pfizer Ema richiamo 42 giorni non problema

Vaccino Pfizer contro il Covid 19

AGI - Somministrare la seconda dosi di Pfizer-BioNTech entro 42 giorni dalla prima non "sarebbe un grosso problema". Lo ha dichiarato il responsabile della strategia dei vaccini dell'Ema, Marco Cavaleri. "La raccomandazione nelle informazioni del prodotto parlano di un intervallo di tre settimane perché è ciò che è stato studiato nei test clinici che hanno portato all'approvazione di questo vaccino", ha spiegato Cavaleri in conferenza stampa.

"Tuttavia è importante sottolineare che nei test clinici la seconda dose era autorizzata in una finestra fino a 42 giorni e in alcuni casi il richiamo è stato fatto oltre le tre settimane e nell'intervallo, ovviamente, dei 42 giorni", ha aggiunto. "Questi aspetti sono riportati nelle informazioni sul prodotto e per ciò possiamo considerare che somministrare la seconda dose in un intervallo prolungato fino a 42 giorni non sarebbe una deviazione dalla raccomandazione e non verrebbe considerato come un uso del vaccino fuori dalle condizioni autorizzate. Certamente, se la proposta è andare oltre 42 giorni, sarebbe contro la raccomandazione. Ma tenerla in questo intervallo non dovrebbe essere un grosso problema", ha chiarito Cavaleri.