L'igiene delle mani resta fondamentale per prevenire il Covid

L'igiene delle mani resta fondamentale per prevenire il Covid

L'Istituto superiore di sanità lo ha ricordato ieri. Ecco quando è essenziale farlo

salute iss igiene mani fondamentale prevenire covid

Virus contagio

AGI - Ogni anno, il 5 maggio ricorre la giornata dedicata all'importanza dell'igiene delle mani per la prevenzione delle infezioni. Per l'edizione 2021, l'Organizzazione Mondiale della Sanità si rivolge agli operatori sanitari e alle strutture in cui lavorano affinchè possano praticare un'igiene delle mani efficace al letto del paziente o dove vengono erogate le cure. Così in una nota l'Istituto superiore di sanità che ricorda come l'igiene delle mani sia una delle azioni più efficaci per ridurre la diffusione degli agenti patogeni e prevenire le infezioni, compreso il virus Sars-CoV-2 responsabile del Covid-19.

In particolare, è possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo se stessi e gli altri, seguendo alcuni accorgimenti che comprendono il lavare o igienizzare spesso le mani, soprattutto:

  • dopo aver tossito/starnutito
  • dopo aver assistito un malato
  • prima durante e dopo la preparazione di cibo
  • prima di mangiare 
  • dopo essere andati in bagno
  • dopo aver toccato animali o le loro deiezioni
  • prima di frequentare i luoghi pubblici (come ad esempio all'ingresso dei negozi)
  • dopo aver toccato superfici esposti al contatto di molte persone (come ad esempio la merce esposta o l'interno dei mezzi pubblici).

L'igiene delle mani dovrebbe essere effettuata al momento giusto (prima del contatto con il paziente, prima di eseguire una manovra asettica, dopo l'esposizione a un liquido biologico, dopo il contatto con gli oggetti o l'ambiente che sta attorno al paziente), nel modo più efficace, e al letto del paziente o laddove viene erogata la cura.

Lo slogan della Giornata 2021 è: "Pochi secondi possono salvare una vita: pulisci le tue mani".

L'invito ad agire è indirizzato agli operatori sanitari, ai responsabili delle strutture, ai policy-makers, a pazienti e familiari, ai vaccinatori e alla popolazione generale.