La carenza di vitamina D rende il covid più pericoloso, secondo uno studio

La carenza di vitamina D rende il covid più pericoloso, secondo uno studio

Una ricerca dell'Humanitas rileva che quando questo deficit vitimanico è associato all'aumento di secrezione di un particolare ormone, "può influenzare la severità della polmonite"

carenza vitamina d covid pericoloso

© KATERYNA KON / SCIENCE PHOTO LIBRA / KKO / Science Photo Library
  -  

AGI - Deficit di vitamina D e sintomi più gravi da infezione Covid-19 sembrano avere una relazione, che però non cambia se si assume più vitamina D.

È il risultato di uno studio pubblicato sull’organo ufficiale della Società Italiana di Endocrinologia, Journal of Endocrinological Investigation, condotto dal professor Gherardo Mazziotti, endocrinologo di Humanitas e docente di Humanitas University, e dal professor Andrea Lania, responsabile di Endocrinologia e Diabetologia di Humanitas e docente di Humanitas University, realizzato in collaborazione con l’Unità di Medicina e Pneumologia diretta dal dottor Michele Ciccarelli, e di Pronto Soccorso e Medicina di Emergenza diretta dal dottor Antonio Voza.  

"Per la prima volta il nostro studio dimostra che il deficit di vitamina D può influenzare la severità della polmonite da Sars-CoV-2, ma solo quando è associato ad un aumento della secrezione di , l’ormone che determina la concentrazione di calcio nel sangue" sottolinea Mazziotti.  

Il legame con il decorso della polmonite da Covid

Lo studio condotto su 348 pazienti Covid-19 ricoverati all’ospedale Humanitas, ha valutato retrospettivamente l’associazione tra livelli della vitamina D e decorso clinico della polmonite da Covid-19.

"Rispetto ad altri lavori pubblicati sull’argomento, abbiamo voluto approfondire il tema valutando non solo i livelli di 25idrossivitamina D (marcatore dello stato vitaminico D in ogni persona), ma anche i valori di paratormone, un parametro del bilancio del calcio che è in relazione inversa ai livelli di vitamina D. Questo - spiega Mazziotti - ci ha permesso di avere una visione globale della severità dell’ipovitaminosi D e del suo impatto clinico". 

I pazienti ricoverati con Covid-19, all’ingresso in ospedale, avevano bassi valori di 25idrossivitamina D e, in una elevata percentuale di casi, severa ipovitaminosi D. Molti pazienti avevano anche elevati valori di paratormone associati quasi sempre a bassa concentrazione di calcio nel sangue, configurando la condizione clinica definita “”.

Secondo i ricercatori, gli elevati valori di paratormone potrebbero contribuire a potenziare gli effetti negativi diretti dell’ipovitaminosi D sul sistema immunitario, oltre a possibili effetti diretti negativi dell’ormone sull’apparato cardiovascolare e respiratorio, già precedentemente osservati in pazienti cardiopatici affetti da scompenso cardiaco.

La somministrazione non porta benefici

Tuttavia, la somministrazione di vitamina D nei pazienti con Covid-19 non ha mostrato benefici in termini di riduzione della gravità dei sintomi.

"Tra le ipotesi - conclude Mazziotti - il fatto che alla correzione della carenza di vitamina D non corrisponda un cambiamento dei livelli di calcio, e quindi dell’iperparatiroidismo secondario persistente. Saranno necessari ulteriori studi per valutare l’efficacia di un trattamento farmacologico finalizzato non solo a correggere il deficit di vitamina D, ma anche a ridurre i livelli di paratormone, che come dimostrato dal nostro studio hanno un effetto indipendente sul decorso clinico del Covid"