"Presto inauguriamo nuovi grandi hub vaccinali nel Lazio", dice Zingaretti

"Presto inauguriamo nuovi grandi hub vaccinali nel Lazio", dice Zingaretti

Per il presidente della Regione Lazio è fondamentale 'non cavalcare le paure e non prendere in giro le persone' e vaccinando anziani e fragili 'già quest'estate potremo avere un significativo calo del numero delle vittime' 

vaccino zingaretti presto nuovi grandi hub

© Francesco Fotia / AGF 
- Nicola Zingaretti 

AGI -  "Presto apriremo nuovi grandi hub vaccinali per assorbire la domanda ed essere pronti quando la massa di vaccini arriverà nelle dosi sufficienti ad affrontare la crisi". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine della visita dell'hub vaccinale dell'ospedale San Giovanni di Roma.

"Continua la visita ai centri vaccinali per ringraziare le operatrici e gli operatori - ha aggiunto Zingaretti - in questo caso in uno dei presidi ospedalieri più importanti della capitale che è il San Giovanni. È il modo di portare avanti la campagna vaccinale, quello di sostenere una grande comunità sanitaria che è mobilitata ed è la vera protagonista di quello che stiamo facendo". 

Non cavalcare le paure ma dare risposte

"Dobbiamo correre con la vaccinazione perché l'economia riprenderà, i motori si riaccenderanno e il virus verrà sconfitto - ha sottolineato il presidente Zingaretti - questo è il messaggio da dare, non cavalcare le paure e non prendere in giro le persone ma impegnarci per dare a quelle paure delle risposte. Ce la faremo, andiamo avanti per sconfiggere questo maledetto virus".

"Vaccinando anziani e fragili già quest'estate potremo avere un significativo calo del numero delle vittime - ha concluso - e questa è una grande vittoria della campagna di vaccinazione". 

Prime dosi Johnson&Johnson il 19 aprile per le carceri

"Il nostro obiettivo rimane di raggiungere l'immunizzazione entro l'estate - ha aggiunto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato - per arrivare a questo dobbiamo avere una certezza delle consegne delle dosi che ancora oggi non abbiamo in maniera continuativa".

"Il 19 di aprile avremo la prima consegna dei vaccini Johnson&Johnson, si tratta di una consegna quantitativamente modesta, 18mila dosi che andranno in prevalenza alle carceri - ha aggiunto D'Amato - saranno destinate per il personale che vi lavora e per i detenuti, speriamo che dal prossimo mese di maggio possiamo avere un ampliamento delle forniture".