L'ad di AstraZeneca: "Capiamo la decisione dell'Italia"

L'ad di AstraZeneca: "Capiamo la decisione dell'Italia"

Wittum ha commentato a ClassCnbc lo stop del governo all'export di 250 mila dosi di vaccino dirette in Australia. Poi ha ribadito gli impegni nelle forniture

Vaccino wittum astrazeneca esportazioni australia

© Agf - ¬†Vaccino AstraZeneca

AGI - "Capiamo assolutamente la decisione" del governo italiano di bloccare l'export di 250mila dosi di vaccino AstraZeneca dirette in Australia. Così, in un'intervista a ClassCnbc, Lorenzo Wittum, amministratore delegato di AstraZeneca Italia. "Capiamo la decisione che ha preso l'Europa e il governo italiano in questo momento", ha sottolineato Wittum aggiungendo che "non è qualcosa che compete a noi. Sono le autorità che decidono se fare o no queste esportazioni". Poi ha continuato: "Il nostro impegno rimane quello di fornire per l'Italia 5 milioni di dosi nel primo trimestre e 230 milioni nel secondo trimestre".

Quello "che posso dire è che noi siamo totalmente focalizzati nel rispettare i nostri impegni con l'Ue nell'arrivare nel minor tempo possibile a consegnare tutte le dosi possibile", ha concluso. 

"C'è una riduzione importante dei ricoveri, del 94%. E funziona in tutte le fasce di età. In Inghilterra specialmente i dati sugli over 70 confermano che l'efficacia di riduzione dei ricoveri è sopra l'80%", ha poi detto l'ad di AstraZeneca. "Il vaccino - ha aggiunto - ricordo che è approvato dall'Ema sopra i 18 anni, i dati del Regno Unito ci dicono che funziona ottimamente anche per i 70enni e 80enni. Sono sicuro che l'Aifa farà le sue valutazioni, come AstraZeneca siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento sui dati".