"Diamo un futuro a Martina", gara di solidarietà per la bambina che ha visto morire i genitori

"Diamo un futuro a Martina", gara di solidarietà per la bambina che ha visto morire i genitori

La tragedia durante un'escursione in montagna nel Bresciano. Raccolta fondi su GoFundMe per assicurare un futuro alla piccola di 5 anni

futuro martina gara solidarieta bimba genitori morti

 montagne alpi

AGI - "Diamo un futuro a Martina". E' l'appello lanciato per una raccolta di fondi su GoFundMe, dagli amici di Valeria Coletta e Fabrizio Martino Marchi, i coniugi milanesi morti precipitando in un dirupo sulla Presolana, in provincia di Brescia, domenica scorsa davanti agli occhi di Martina, la loro figlia di 5 anni.

Fino a venerdì 5 febbraio  le donazioni sono state più di 8mila per un totale di oltre 330mila euro. L'obiettivo è quello di arrivare almeno a 450 mila euro 

"Portare avanti la missione di vita"

"Questa raccolta nasce per continuare a perseguire la missione di vita di Fabry e Vale - spiegano gli amici che hanno dato vita alla raccolta online - regalare a Martina un futuro felice esattamente come i due genitori erano intenzionati che fosse. Tutto il ricavato verrà devoluto alla famiglia ed utilizzato per sostenere Martina, nel suo percorso di vita. Servirà per aiutarla ad avere il miglior supporto per affrontare questa situazione ed un futuro migliore ".

La bimba affidata ai nonni

La bimba è affidata ai nonni in attesa che venga comunque nominato un tutore. L'invio delle donazioni è tutto documentato e postato sui social, "così da dimostrare - spiegano ancora gli organizzatori - la buonafede di questa raccolta veloce per far fronte a questa triste tragedia ".

Valeria e Fabrizio, rispettivamente di 35 e 40 anni, escursionisti esperti, erano in gita insieme ad alcuni amici su un sentiero ad Angolo Terme in Val Camonica, la tragedia a circa 1.200 metri. Improvvisamente la giovane è scivolata su un cumulo di neve e il marito ha cercato di trattenerla ma entrambi sono precipitati scivolando per oltre 200 metri. Per loro non c’è stato nulla da fare.