Con i lockdown nel Lazio la qualità dell'aria è migliorata

Con i lockdown nel Lazio la qualità dell'aria è migliorata

Studio del Cnr realizzato e pubblicato su Springer Nature sugli effetti delle restrizioni sull'inquinamento atmosferico

lockdown migliora qualita aria lazio

© TIZIANA FABI / AFP - Via della Conciliazione, Roma

AGI - Le restrizioni nazionali imposte per limitare la diffusione del SARS-CoV-2 e di conseguenza contenere la Covid-19 hanno portato ad una diminuzione della concentrazione degli inquinanti come il biossido di azoto (NO2) nella città di Roma e nell’area nord-occidentale della regione Lazio, fino a quasi dimezzarsi nei mesi del lockdown (marzo-aprile 2020) rispetto allo stesso periodo del 2019.

È quanto emerge dallo studio realizzato e pubblicato su Springer Nature dai ricercatori Cristiana Bassani, Francesca Vichi, Giulio Esposito, Mauro Montagnoli, Marco Giusto e Antonietta Ianniello dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia) combinando le osservazioni del sensore TROPOspheric Monitoring Instrument (TROPOMI) a bordo del satellite Sentinel 5P con le misure acquisite a terra nelle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria (Arpa) e nella stazione di monitoraggio A.

La riduzione di NO2 è risultata più alta nelle zone di traffico urbano (-51 per cento) rispetto a quelle di background urbano (-34 per cento) e rurale (-21 per cento) a causa degli effetti delle restrizioni sulle sorgenti di emissioni di questo inquinante”, spiega Cristiana Bassani del Cnr-Iia, autrice dello studio.

“Una maggiore diminuzione è stata osservata nelle concentrazioni del monossido di azoto (NO) con riduzioni del -56 per cento, -48 per cento e -37 per cento rispettivamente nei siti di traffico urbano, background urbano e rurale. Una significativa riduzione, anche se inferiore alle precedenti, è stata osservata per il monossido di carbonio (CO), mentre i livelli di ozono (O3) hanno mostrato una variabilità dipendente dal tipo di sito analizzato, esibendo sia aumenti che diminuzioni in siti urbani (7 per cento in background urbano e 15 per cento in background suburbano) e rurali (-11 per cento)”.

L’analisi ha confermato che il miglioramento della qualità dell’aria non è stato determinato da particolari condizioni meteorologiche, ma dalla forte riduzione del trasporto stradale e delle attività definite non essenziali durante il lockdown. “Le riduzioni TROPOMI ottenute dai pixel urbani estratti (-43 per cento) sono coerenti con la riduzione osservata dall'Agenzia spaziale europea, ESA, (-49 per cento) per la città di Roma.

Inoltre, le riduzioni satellitari hanno mostrato un calo di NO2 maggiore nelle aree urbane (-43 per cento) che nei siti rurali (-17 per cento) come determinato anche dalle misure di concentrazione a terra”, aggiunge Bassani.

“I risultati di questo studio fanno parte del lavoro teso a definire un sistema di monitoraggio dell'inquinamento dell’aria composto da prodotti atmosferici satellitari e da misure a terra. L'elevata risoluzione spaziale del sensore TROPOMI- conclude - si attesta come valido supporto per monitorare la qualità dell’aria dallo spazio, fornendo maggiori dettagli dell'area urbana caratterizzata da una mescolanza di traffico e background, ed anche per esaminare l'influenza delle sorgenti di emissione delle aree urbane sulle zone rurali circostanti in cui il contributo locale all'inquinamento è spesso trascurabile”.