"Nessuna terza ondata, basta con gli allarmismi", dice il primario del Sacco 
ESCLUSIVA AGI

"Nessuna terza ondata, basta con gli allarmismi", dice il primario del Sacco 

Al pronto soccorso dell'ospedale, presidio nel contrasto al virus, "non c'è nessun affollamento di pazienti Covid. I ricoverati sono 20, un numero fermo da giorni" racconta il dottor Maurizio Viecca all'AGI 

terza ondata allarme ospedale Sacco 

© Claudia Greco / AGF - L'Ospedale Sacco di Milano

AGI - "Al pronto soccorso dell'ospedale Sacco non c'è nessun affollamento di pazienti Covid. I ricoverati sono 20, un numero fermo da giorni, mentre nei giorni di picco se ne registravano più di 30". Lo dice all'AGI il primario del Sacco, Maurizio Viecca, sottolineando che "non ci sono segni di una terza ondata e bisogna smetterla con gli allarmismi".

 "Ovviamente - aggiunge - siamo in allerta e pronti ad affrontare le emergenze, ma non c'è allarme. La storia dei virus peraltro insegna che diventano più contagiosi e meno letali per poter sopravvivere. Nel giro di due tre mesi, se le vaccinazioni proseguono, inizieremo a vedere la luce".

terza ondata allarme ospedale Sacco 
© Claudia Greco / AGF
L'Ospedale Sacco di Milano

La preoccupazione di Viecca è che"questa campagna allarmistica distolga l'attenzione da chi ha altre patologie, gli altri malati non possono essere considerati di serie B. Rischiamo di ripetere quello che è successo già in primavera quando chi aveva i sintomi dell'infarto non andava al pronto soccorso per paura del contagio. Qui al Sacco ora prendiamo al pronto soccorso solo chi che si presenta spontaneamente coi sintomi dell'infarto, ma non più chi chiama al 118, come da indicazioni in questa fase".