Per il Vaticano vaccinarsi è una responsabilità morale

Per il Vaticano vaccinarsi è una responsabilità morale

 È quanto si legge nella nota della Commissione vaticana Covid-19 in collaborazione con la Pontificia Accademia per la Vita

Vaticano responsabilita morale vaccinarsi

© RICCARDO DE LUCA / ANADOLU AGENCY 
- Coronavirus, Vaticano 

Vi è una "responsabilità morale di sottoporsi alla vaccinazione" perché "il rifiuto del vaccino può costituire anche un rischio per gli altri". È quanto si legge nella nota della Commissione vaticana Covid-19 (in collaborazione Pontificia Accademia per la Vita) "Vaccino per tutti. 20 punti per un mondo più giusto e sano".

"Occorre ribadire - si sottolinea - come questa tematica implichi anche un rapporto tra salute personale e salute pubblica, mostrandone la stretta interdipendenza. Alla luce di questo nesso, riteniamo importante che si consideri al riguardo la presa di una decisione responsabile, atteso che il rifiuto del vaccino può costituire anche un rischio per gli altri".

"Ciò vale anche qualora - continua il documento - in assenza di alternativa, la motivazione fosse di evitare di trarre benefici dagli esiti di un aborto volontario. Infatti, in questi casi, come chiarisce la Congregazione per la Dottrina della Fede si può ritenere, a precise condizioni, "moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione'".

Si tratta qui "di cooperazione materiale passiva (e non formale), poiché è indiretta e remota date l'intenzione da cui è sottesa la scelta, la contingenza rispetto all'evento imputato e le circostanze in cui oggi ci troviamo: sono quindi non vincolanti i criteri che la renderebbero eticamente illecita".

Pertanto, ribadiscono i due organismi vaticani, "tale rifiuto potrebbe aumentare seriamente i rischi per la salute pubblica. Infatti, da un lato, si troverebbero più esposte alle infezioni quelle categorie di soggetti che non possono essere vaccinati (es. immunosoppressi) e che quindi, per evitare il rischio di contagio, possono contare solo sulla copertura vaccinale altrui (e sull'immunità di gregge). Dall'altro, l'ammalarsi determina un aumento dei ricoveri con conseguente sovraccarico per i sistemi sanitari, fino a un possibile collasso, come sta accadendo in diversi Paesi durante questa pandemia, ostacolando l'accesso all'assistenza sanitaria, ancora una volta a spese di chi ha meno risorse. Anche i vescovi di Inghilterra e Galles hanno recentemente ribadito che è necessario accogliere il vaccino non solo per la propria salute, ma anche in nome della solidarietà con gli altri, specialmente i più vulnerabili".