Il progetto di 'dentiera sospesa' partito a Sassari

Il progetto di 'dentiera sospesa' partito a Sassari

Ispirata al caffè sospeso che chi può paga al bar per chi non può permetterselo, è stata inaugurata a Sassari dalla cooperativa sociale 'Saludade onlus', formata da un gruppo di sei specialisti e odontoiatri

esperimento dentiera sospesa sardegna

dentista dentisti ortopanoramica denti (Agf) 

AGI - È un giovane ex detenuto di Sassari, affidato alla cooperativa sociale 'Don Graziano Muntoni' diretta da don Gaetano Galia, il primo beneficiario del primo esperimento in Sardegna di 'dentiera sospesa'. La formula, ispirata al caffè sospeso che chi può paga al bar per chi non può permetterselo, è stata inaugurata a Sassari dalla cooperativa sociale 'Saludade onlus', formata da un gruppo di sei specialisti e odontoiatri.

L'obiettivo è fornire protesi dentarie gratuite attraverso un fondo alimentato da donazioni. "Questo ragazzo non sorrideva più, non rideva, e quando lo faceva si metteva le mandi davanti alla bocca o utilizzava una sciarpa per non farsene accorgere", riferisce don Galia, a proposito dell'ex detenuto che ora ha una protesi nuova. "Notavamo l'imbarazzo".

"Non potete immaginare lo sguardo di felicità, i suoi occhi", aggiunge il direttore della cooperativa sociale cui il detenuto era affidato, "soprattutto alla sua partenza, quando è andato via dalla nostra comunità. Addirittura è rimasto un mese in più pur di riuscire a chiudere questo tipo di operazione e ottenere la protesi".

"Chiunque può contribuire al progetto, mettendo a disposizione una somma, anche piccola, affinché si riesca a coprire le spese per i materiali", spiegano i promotori. "L'impegno dei dentisti è del tutto gratuito. Purtroppo nei livelli assistenziali non è prevista la copertura dei costi maggiori della protesi".

I possibili beneficiari della 'dentiera sospesa' sono selezionati da enti accreditati, associazioni, onlus e cooperative sociali impegnate nel sostegno alle persone in difficoltà. 'Saludade onlus' è impegnata anche nell'abbandono scolastico e nella promozione culturale. "Ogni volta che il valore di una dentiera sarà raggiunto", assicurano i promotori, "se ne darà comunicazione sul web".