Il servizio di aiuto psicologico per l'emergenza Covid è già concluso?

Il servizio di aiuto psicologico per l'emergenza Covid è già concluso?

La risposta al numero verde del ministero segnalata da alcuni lettori è stata: ​“Il servizio per l’emergenza Covid ha concluso la sua attività”. Abbiamo verificato

servizio aiuto psicologico covid ministero salute

 Call center stress, fatica, stanchezza

AGI - ​“Il servizio per l’emergenza Covid ha concluso la sua attività”. È il messaggio di risposta di una voce femminile che ascolta chi provi a digitare il numero verde 800.833.833 di ‘Supporto psicologico attivo’  segnalato sul sito del Ministero della Salute. Alcune persone hanno segnalato all’AGI che non funziona più, circostanza confermata da più tentativi che registrano sempre la stessa risposta.

L’11 giugno scorso, il Ministero aveva fatto sapere attraverso un comunicato che erano arrivate da aprile, quando il servizio era stato attivato, oltre 50mila chiamate “con un vero e proprio picco durante il lockdown. Segno che il numero verde di supporto psicologico attivato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile durante l’emergenza Covid-19 sta svolgendo un ruolo importante”.

Il servizio era gratuito, attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle 24 e “nato per fornire suggerimenti e supporto per aiutare a gestire l’ansia, lo stress e il disagio psicologico generato dall’inedita situazione creatasi con il diffondersi dell’epidemia e con l’adozione delle stringenti misure di isolamento sociale”.

La nota si chiudeva con l'affermazione che "una volta superata la fase dell'emergenza, progressivamente si sta tornando a gestire la richiesta di assistenza psicologica attraverso la rete di strutture e professionalità del Servizio sanitario nazionale, che e' al centro di importanti piani di rafforzamento e valorizzazione a cui sta quotidianamente lavorando il Ministero della Salute".

Il ritorno a una fase di emergenza per ora non ha portato al ripristino dell'aiuto psicologico a beneficio dei cittadini, alcuni dei quali hanno provato comunque a digitarlo in quanto il link in cui si dà conto del servizio è ancora visibile sul sito.