Rapinano una banca a Milano e fuggono attraverso le fogne

Rapinano una banca a Milano e fuggono attraverso le fogne

Banditi in azione in piazza Ascoli, la polizia alla ricerca di tre rapinatori che hanno saccheggiato le cassette di sicurezza dei clienti

Rapina banca Milano fuga tombini 

La banca di via Stoppani a Mila o rapinata dai banditi fuggito attraverso le fogne

AGI - Colpo in banca questa mattina a Milano. La rapina, alla filiale del Credit Agricole di via Stoppani 40, prospiciente piazza Ascoli, è avvenuta con modalità inusitate. I tre rapinatori  avevano preparato un foro nel pavimento, da lì sono riusciti a entrare e poi sono anche fuggiti. 

Al momento non risultano feriti, ma sono comunque state inviate delle ambulanze in via precauzionale. In base alla ricostruzione della polizia, i rapinatori sono entrati attorno alle 8.30, quando non c'erano clienti, ma soltanto i dipendenti dell'istituto di credito, che sono rimasti bloccati all'interno. Le prime volanti sono arrivate attorno alle 8.40 e hanno circondato l'area ma i rapinatori erano già fuggiti.

Negli attimi concitati della rapina sono riusciti ad aprire alcune cassette di sicurezza dei clienti, portandone via il contenuto, ma non è ancora stata fatta una stima dei valori rubati. All'interno dei locali della banca, al momento del colpo, c'erano soltanto i dipendenti. La polizia è ancora sul posto e circonda le strade limitrofe in attesa di accertare che la situazione torni alla normalità, nel frattempo le Volanti e la Mobile stanno battendo l'area alla ricerca dei fuggiaschi.

La procura di Milano ha aperto un fascicolo sulla rapina in banca che si è verificata questa mattina. Dalle prime informazioni è escluso che ci siano stati ostaggi all'interno dell'istituto. Nella filiale vi è stata una breve colluttazione con il direttore di banca che ha ricevuto un colpo alla nuca col calcio della pistola, sono riusciti a portare via il contenuto di alcune cassette di sicurezza. Per il momento non è stato quantificato il valore dei beni rubati, che però non dovrebbe essere ingente. A coordinare le indagini il pm Elio Ramondini.