Omicidio nel Palermitano, forse motivi passionali dietro la morte di un 26enne

Omicidio nel Palermitano, forse motivi passionali dietro la morte di un 26enne

In nottata si è costituito un giovane, in stato di fermo per omicidio volontario aggravato da futili motivi. Forse la relazione con una donna dietro il fatto di sangue

Omicidio camporeale movente passionale 

pistola omicidio delitto crimine

AGI - Omicidio ieri a tarda sera in piazza Guglielmo Marconi a Camporeale, in provincia di Palermo.

Ad essere ucciso, con 3 colpi di arma da fuoco all’addome e al torace, Benedetto Calogero Ferrara, 26 anni, di Partinico. Sul posto forze dell’ordine e i sanitari del 118, ma il giovane è spirato sul selciato per le gravi ferite riportate.

I carabinieri della compagnia di Partinico hanno subito avviato le indagini e individuato un sospettato che in nottata si è costituito. Si tratta di Michele Mulè, 28 anni, in stato di fermo per omicidio volontario aggravato da futili motivi.

Il movente parrebbe essere quello passionale: una violenta discussione per una donna.

Non è ancora chiaro chi dei due avesse la relazione con la donna contesa, ma Mulè avrebbe sparato 3 colpi con il suo revolver calibro 38.

Adesso il presunto omicida si trova al carcere palermitano di Pagliarelli in attesa della convalida del fermo emesso dal pm di turno che ha anche disposto l’autopsia sul corpo della vittima.