Carabiniere spara e uccide un ladro per difendere un collega ferito

Carabiniere spara e uccide un ladro per difendere un collega ferito

È successo nella notte in via Paolo Di Dono, nel quartiere Eur di Roma. Morto un 56 enne siriano pregiudicato. Il ferito ha 31 anni

Carabiniere uccide un ladro per difendere un collega ferito

Carabinieri

AGI - Tragedia nella notte in via Paolo Di Dono, nel quartiere romano dell'Eur. Durante un furto in appartamento un ladro è morto, colpito da un proiettile sparato da un carabiniere intervenuto con un collega sul luogo della segnalazione.

Il militare del Nucleo Radiomobile ha esploso due colpi di pistola dopo che il suo collega era stato ferito dal ladro al costato con un cacciavite. 

L'uomo ucciso è un cittadino siriano di 56 anni. L'uomo ha diversi precedenti penali: rapina, lesioni ed evasione.

Il militare ferito è stato trasportato all'ospedale Sant'Eugenio. Il secondo ladro, approfittando della concitazione del momento, è riuscito a dileguarsi.

Il carabieniere ferito, è un 31enne.

A chiamare il 112 è stato il portiere di uno stabile accanto disturbato da alcuni rumori provenienti dal primo piano di una palazzina. I militari hanno trovato segni di effrazione alla porta.

Secondo la ricostruzione dell'Arma, il 56enne siriano, morto a causa di un colpo di pistola al torace, sarebbe stato disturbato dall'arrivo dei militari.

E lo scontro sarebbe avvenuto nel giardino mentre il 56enne stava cercando di fuggire. In corso le ricerche del complice.