Domato l'incendio nel porto di Ancona. Scuole e parchi restano chiusi 

Domato l'incendio nel porto di Ancona. Scuole e parchi restano chiusi 

Le fiamme, alimentate dal vento, hanno distrutto almeno tre siti produttivi e sfiorato anche alcuni stabilimenti. Il comune ha chiesto ai cittadini di serrare le finestre e limitare gli spostamenti

ancona incendio porto 

E' scoppiato poco dopo mezzanotte, alle 0.35, il vasto incendio che ha interessato la zona centrale del porto di Ancona: secondo i vigili del fuoco è adesso sotto controllo, ma sono ancora attivi piccoli focolai. Secondo quanto è stato possibile apprendere, le fiamme sono divampate dal deposito della ex Tubimar, alla Darsena Marche, che dal 2019 è diventato magazzino di vernici, solventi e vetroresina, sostanze che potrebbero risultare tossiche; questa mattina è ormai ridotto a un cumulo annerito di macerie. Proprio questo magazzino sarebbe stato riconvertito in un Posto di Controllo frontaliero sanitario, con un progetto presentato nello scorso mese di luglio dall'Autorità di Sistema Portuale.

L'incendio si è velocemente propagato ad altri capannoni, sfiorando un deposito di metano e uno stabilimento per il congelamento del pesce, dove lavoravano alcuni addetti che sono riusciti a mettersi in salvo; sarebbe andata distrutta almeno una imbarcazione dell'armatrice Claudia Rossi. Le fiamme hanno fatto esplodere alcune bombole, molto probabilmente di acetilene, che hanno scosso nella notte il centro di Ancona.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno immediatamente chiesto rinforzi, arrivati dal presidio in aeroporto e da Pesaro e Macerata; 12 squadre hanno lavorato tutta la notte e gia' intorno alle 3 le fiamme erano state circoscritte. Si e' mobilitata anche la protezione civile regionale e i soccorritori del 118, mentre carabinieri e polizia hanno isolato tutta la zona.

La colonna di fumo si è allungata fino l'asse attrezzato, la strada che dal porto attraversa i vari quartieri di Ancona, fino a raggiungere il Conero: questa mattina si avverte l'odore acre fino ai comuni di Sirolo e Numana e Sirolo. L'Arpam ha eseguito alcune rilevazioni per stabilire la qualita' dell'aria, i cui risultati verranno resi noti nel più breve tempo possibile, ma nel frattempo il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli, ha ordinato la chiusura precauzionale delle scuole di ogni ordine e grado, di tutte le attività all'aperto e ha consigliato ai cittadini di tenere porte e finestre chiuse e di limitare gli spostamenti.