Strage discoteca: condanne tra 10 e 12 anni per la "banda dello spray"

Strage discoteca: condanne tra 10 e 12 anni per la "banda dello spray"

Le pene tengono conto della riduzione di un terzo prevista dal rito abbreviato, ma non includono l'associazione a delinquere, non riconosciuta dal gup

Strage discoteca: banda dello spray condanne tra 10 e 12 anni

©  Vigili del Fuoco/dpa Picture-Alliance -  Strage in discoteca a Corinaldo

Ugo Di Puorto, Raffele Mormone, Badr Amouiyah, Andrea Cavallari, Moez Akari e Souhaib Haddada, i sei componenti della cosiddetta 'banda dello spray' sono stati condannati a pene comprese tra i 10 e i 12 anni con uno sconto significativo rispetto alle iniziali richieste dei pm Paolo Gubinelli e Valentina Bavai.

Le pene tengono conto della riduzione di un terzo prevista dal rito abbreviato, ma non includono l'associazione a delinquere, non riconosciuta dal gup. I giovani modenesi, tutti presenti al momento della sentenza, sono stati ritenuti responsabili della strage al 'Lanterna Azzurra Clubbing' di Corinaldo, dove nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 2018 fu spruzzata una sostanza urticante per rubare catenine e oggetti preziosi ai giovanissimi che aspettavano la performance musicale del trapper Sfera Ebbasta: nella calca che si generò, morirono cinque adolescenti e una giovane mamma.

La sentenza è stata emessa dal gup del tribunale di Ancona, Paola Moscaroli, al termine della settima udienza del processo che si è svolto con il rito abbreviato e a porte chiuse.

L'udienza è iniziata intorno alle 10.30, alla presenza anche alcuni familiari delle vittime: Paolo Curi, marito di Eleonora Girolimini, la mamma 39 travolta dalla folla e con il suo corpo ha salvato la vita alla sua figlia minore, e una delle 4 ragazze, Corrado e Francesco Vitali, padre e fratello di Benedetta Vitali, il padre di Mattia Orlandi.

L'ultimo ad entrare in aula, prima del gup, è stato Ugo Di Puorto, che per l'accusa era il capo della 'banda dello spray', colui che quella notte fa spruzzò la sostanza al peperoncino che rese l'aria irrespirabile all'interno del 'Lanterna Azzurra Clubbing' e costrinse la maggior parte degli avventori a lasciare velocemente il locale.

Tre imputati hanno reso dichiarazioni spontanee: in particolare Cavallari, Akari e Haddada hanno confermato la loro estraneità a quanto è successo all'interno del locale. La camera di consiglio è durata poco più di 2 ore.