Un malato di Covid salvato a Torino con l'ossigeno-ozono terapia

Un malato di Covid salvato a Torino con l'ossigeno-ozono terapia

Il successo all'ospedale Mauriziano, che ha aderito, tra i pochi in Italia, allo studio nazionale multicentrico su queto protocollo terapeutico promosso dall'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine 

coronavirus malato guarito terapia ossigeno-ozono torino

© AFP - Malati di coronavirus in terapia intensiva a Torino

Un uomo di 76 anni, affetto da Covid-19 e che appariva in condizioni ormai disperate, è stato salvato con la terapia dell'ossigeno-ozono, presso l'ospedale Mauriziano di Torino. Ora il paziente è guarito ed è tornato a casa.

L’ospedale Mauriziano di Torino, dopo autorizzazione del Comitato Etico Interaziendale, ha aderito, tra i pochi Centri in Italia, allo studio di ossigeno – ozono terapia con messa a punto di un protocollo terapeutico. E' stato l'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine il promotore di questo studio nazionale multicentrico interventistico randomizzato per l’impiego dell’ozono in fase precoce nell’infezione da SARS CoV-2.

ll Mauriziano è dotato di generatore di ozono, fornito dalla Odontostomatologia (diretta dal dottor Paolo Appendino) e lo studio è condotto su pazienti  ricoverati nel reparto di Sub-Intensiva COVID, gestito dalla Medicina Interna (diretta dal dottor Claudio Norbiato) e dalla Pneumologia (diretta dal dottor Roberto Prota).

La gestione dei pazienti sottoposti alla terapia è stata affidata ad un team multidisciplinare, costituito dalla dottoressa Stefania Marengo, internista, e da Piermarco Babando, odontoiatra ed ozonoterapeuta della SIOOT (Società  Italiana Ossigeno Ozonoterapia).

La procedura con ossigeno-ozono terapia per via sistemica prevede – previo il consenso informato del paziente - il prelievo, a cadenza giornaliera, di circa 200 ml di sangue da una vena periferica; il sangue prelevato, senza alcuna disconnessione dal paziente, viene mescolato con pari volume di miscela di ossigeno ozono 96-4% con tecnica sterile.

Per garantire l’adeguata diffusione dei gas nel sangue raccolto, si procede a delicata rotazione della sacca per 10 minuti, alla quale segue la reinfusione. La procedura viene ripetuta per un totale di 3 sedute. Al momento sono una quindicina i pazienti arruolati.