Cliente rompe il naso a bancario nel Bresciano, "clima d'odio"

Cliente rompe il naso a bancario nel Bresciano, "clima d'odio"

Dopo la discussione, l'aggressore ha atteso che il dipendente uscisse dall'istituto di credito

Coronavirus banche bancari Fabi Brescia

© Foto: Cultura Images RF / AGF -  Bancari, banche

Il cliente ha aspettato che uscisse per la pausa pranzo e gli ha spaccato il naso con una testata. Vittima dell'aggressione un bancario di un paese in provincia di Brescia che, stando a quanto riferisce una fonte sindacale all'AGI, "aveva negato al suo interlocutore un'operazione che non era possibile eseguire".

"L'episodio va inquadrato -spiega - nel contesto di un piccolo paese della provincia di Brescia, molto colpita dal coronavirus, dove c'è una clientela tradizionale che si è vista limitare nelle sue abitudini potendo essere ricevuta solo per appuntamento. In questa banca, sono arrivate molte lamentele di persone che si sentono inibite nella loro operatività".

I fatti risalgono a ieri pomeriggio, quando il cliente ha chiesto un cambio assegno che non gli è stato concesso perché non aveva soldi a sufficienza.
L'uomo ha lasciato l'istituto furibondo lanciando invettive contro il cassiere suo interlocutore. Poco dopo, il bancario è uscito fuori a mangiare un panino per pranzo e se l'è ritrovato davanti. Ancora insulti ai quali, stando alla fonte, "ha reagito solo dandogli del maleducato" a cui è seguita la violenta testata. La lesione è stata giudicata guaribile in 20 giorni dai sanitari che l'hanno medicato in ospedale. "L'episodio è frutto del clima di odio che si è creato e che abbiamo denunciato anche al Ministro dell'Interno Lamorgese, sempre molto attenta", ha commentato Lando Silleoni, segretario della Fabi.