Come riaccendere in sicurezza i condizionatori: 7 consigli di Sima

Come riaccendere in sicurezza i condizionatori: 7 consigli di Sima

Società italiana di medicina ambientale scrive un vademecum per gli spazi aperti al pubblico e quelli privati 

coronavirus condizionatori climatizzatori 

© SERGIO PITAMITZ / ROBERT HARDING PREMIUM / ROBERTHARDING - Condizionatori d'aria

Pulire con acqua e sapone i filtri degli impianti di riscaldamento, sanificarne i motori esterni e mantenere i tassi d umidità relativa tra il 50 e il 70%. Sono alcuni dei consigli che la Società italiana di medicina ambientale (Sima) ha fornito per l'utilizzo sicuro degli impianti di condizionamento e climatizzazione degli spazi pubblici in vista per la Fase 2.

"Negli ambienti confinati aperti al pubblico, seguire le norme di distanziamento e usare tutti la mascherina è doveroso, ma al contempo non possiamo trascorrere i prossimi mesi estivi soffrendo il caldo nelle nostre case o sul posto di lavoro. È quindi necessario seguire poche semplici regole che ci consentano di usare i nostri impianti in sicurezza", spiega Alessandro Miani, Presidente Sima, convinto che "piccole azioni quotidiane" possano migliorare il nostro comfort indoor "senza farci incorrere in particolari rischi per la salute".

Sima quindi stila alcuni 'consigli pratici' per poter consentire a tutti di vivere gli ambienti chiusi al fresco.

  1. Per assicurare un miglior e più sicuro uso dei sistemi di raffrescamento, condizionamento e climatizzazione in ambienti indoor, privati o pubblici di piccole o medie dimensioni (come ad esempio abitazioni, uffici, ambulatori, negozi, ecc.) si consiglia, prima dell’accensione dell’impianto, di lavare con acqua e sapone liquido i filtri degli split, pulire le parti esposte degli stessi con un prodotto igienizzante e dopo aver lasciato asciugare le superfici esposte e i filtri, riporre questi ultimi nei loro alloggiamenti.
     
  2. I motori esterni, solitamente posizionati su balconi, terrazzi, tetti o a terra dovrebbero essere sanificati periodicamente (è preferibile che queste attività vengano effettuate da tecnici specializzati e che il sistema di sanificazione usato sia una tecnologia a shock termico per iniezione e contemporanea aspirazione di vapore ad alta temperatura e pressione). Stesso intervento è consigliabile per quegli split o radiatori mal manutentati, che presentano evidenti segni di degrado, sporcizia, presenza di polveri e muffe accumulate e/o incrostazioni.
     
  3.  Gli impianti canalizzati devono essere sanificati da personale esperto prima di rendere operativo il sistema.
     
  4. Per gli impianti di condizionamento multizona, destinati al controllo ambientale di umidità e temperatura dei locali serviti (grandi ambienti, pubblici e privati come uffici aperti al pubblico, cinema, teatri, palestre, poliambulatori, fabbricati industriali, ecc.), maggiori attenzioni devono essere dedicate al corretto mantenimento/pulizia e sanificazione/disinfezione/bonifica  delle sezioni principali di scambio, quali batterie calde e fredde, umidificazione ad acqua e batterie di post-riscaldamento, canalizzazioni di distribuzione aria e dello stato dei filtri ai vari livelli.
     
  5. Per garantirsi qualità dell’aria indoor è consigliabile aprire le finestre per alcuni minuti più volte al giorno o dotarsi di sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC), in grado anche di filtrare l’aria esterna in entrata. Fermo restando l’importanza di periodici ricambi d’aria, anche sistemi di purificazione e/o monitoraggio dell’aria indoor sono consigliati, purché validati scientificamente da Enti terzi pubblici e dotati di certificazioni che ne attestino il reale potenziale di mitigazione dei contaminanti aero-dispersi (compresi virus e batteri).
     
  6. Evitare il flusso dell’aria dagli split dall’alto verso il basso e direttamente rivolti verso le persone presenti nell’ambiente, preferendo direzionare le griglie esterne verso l’alto.
     
  7. Mantenere tassi di umidità relativa in estate tra il 50% e il 70% e in inverno tra il 40% e il 60% (un semplice igrometro è sufficiente per il controllo dell’umidità indoor).