Nella guerra contro il coronavirus sono caduti 77 medici italiani

Nella guerra contro il coronavirus sono caduti 77 medici italiani

Secondo la stima della Johns Hopkins University ci sono un milione di casi nel mondo, ma il responsabile della sanità australiana afferma che i numeri sarebbero molto più alti. Una discrepanza dovuta "alla mancanza di test a tappeto nella maggior parte dei Paesi"

coronavirus contagi guariti decessi

© Andrea Neri / NurPhoto / NurPhoto via AFP
 
- Un medico italiano al lavoro durante l'emergenza coronavirus

Al 3 aprile salgono a quasi 200 mila i casi totali di coronavirus in Italia, per l'esattezza 119.827, con un aumento di 4.585 in un giorno, leggermente meno dei +4.668 di ieri e +4.782 di mercoledì. Sono i dati forniti dal bollettino quotidiano della Protezione Civile, da cui si evince un trend sostanzialmente stabile. Gli attualmente positivi sono 85.388 (+2.339, in calo rispetto al +2.477 di ieri), i guariti sono 19.758 (con un balzo di 1.480 oggi, contro i 1.431 di ieri), le vittime sono 14.681, con un aumento di 766 in un giorno, praticamente lo stesso di ieri (760).

Si conferma il trend di diminuzione complessiva dei ricoveri rispetto ai numeri delle scorse settimane: le persone attualmente in ospedale con sintomi sono 28.741, con un aumento di 201 su ieri (quando erano stati 137), quelle in terapia intensiva sono 4.068, appena 15 più di ieri. Infine, 52.579 sono in isolamento domiciliare, 2.123 più di ieri. 

Da questa mattina altre sei segnalazioni di decessi tra i medici sono arrivate alla federazione degli ordini dei medici (Fnomceo), che nel suo sito, listato a lutto, riporta il drammatico elenco delle vittime. A oggi sono 77 i medici morti a causa del coronavirus in Italia. Gli ultimi due decessi segnalati riguardano un cardiologo e un medico di medicina generale.

Articolo aggiornato alle 18:20 del 3 aprile 2020, continua a seguire QUI le notizie in tempo reale

Borrelli prevede una quarantena fino a metà maggio

Intanto le parole del capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, lasciano intendere che le misure drastiche imposte dal goverbo potrebbero andare ben oltre la data prevista del 13 aprile. "La situazione" dice, "ora è stazionaria, dobbiamo vedere quando inizia a decrescere. Non vorrei dare delle date, però da qui al 16 maggio potremo aver dati ulteriormente positivi che consigliano di riprendere le attività e cominciare quindi la fase 2".

Intervistato a Circo Massimo su Radio Capital, Borrelli ha aggiunto che "la decisione va presa dagli esperti che stanno coordinando dall'inizio dell'emergenza la parte tecnico-scientifica. Il comitato tecnico istituito a supporto del Ministero della salute sta lavorando proprio su questo".

"Il presidente Conte ha parlato chiaro, al momento le misure dureranno fino al 13 aprile, solo successivamente il governo, sentito il Comitato tecnico scientifico, deciderà come procedere" sottolinea poi con l'AGI Borrelli. "Io non ho mai parlato di date, ho ribadito ancora una volta che ogni decisione sarà presa sulla base dell'evoluzione dei contagi".

  • 15:13

    Sulla Costa Diadema attraccata a Piombino ci sono 128 positivi

    Sono centoventotto i componenti dell'equipaggio e del personale di bordo della Costa Diadema risultati fino ad oggi positivi al coronavirus. Il dato emerge dopo che sono stati sottoposti a tampone poco meno di cinquecento delle 1255 persone a bordo della nave da crociera attraccata lunedì scorso nel porto di Piombino.

    Solo una minima parte sono però in condizioni serie, mentre la stragrande maggioranza dei positivi sarebbe in buone condizioni di salute.

    Sulla banchina del porto di Piombino, intanto, è in corso di ultimazione l'allestimento di una tenda attrezzata da ventisette posti letto come punto medico avanzato dal coordinamento regionale toscano per le maxi emergenze da utilizzare nel caso in cui le condizioni di qualche componente dell'equipaggio dovesse mostrare segni di peggioramento. 

  • 14:42

    Xi promette sostegno all'Africa contro l'epidemia

    La Cina rinnova il proprio impegno nel sostenere i Paesi africani nella lotta contro l'epidemia di coronavirus. Lo ha dichiarato il presidente cinese, Xi Jinping, nel corso di un colloquio telefonico con il presidente della Namibia, Hage Geingob, durante il quale si e' detto "molto preoccupato" per la situazione in Africa.

    "La Cina", ha scandito Xi, "continuerà a intensificare gli sforzi per fornire assistenza contro l'epidemia alla Namibia e agli altri Paesi africani, condividere le proprie esperienze in materia di prevenzione e controllo, rafforzare la cooperazione in campo sanitario e a lavorare per arrivare insieme alla vittoria finale contro l'epidemia"

  • 14:17

    Boris Johnson ancora malato: "Resto in auto-isolamento"

    Il premier britannico, Boris Johnson, è ancora affetto dal coronavirus e continuerà l'auto-isolamento. Lo ha confermato lui stesso su Twitter. "In accordo con i consigli del governo, devo continuare il mio auto-isolamento fino a quando i sintomi non scompaiono".

    Il capo di Downing Street sarebbe dovuto uscire dalla quarantena oggi dopo una settimana di isolamento a casa come prescritto dal medico quando e' risultato positivo al coronavirus, ma ancora ieri mostrava "lievi sintomi".

  • 14:16

    Fontana: "Ci servono 30 milioni di mascherine al mese"

    "Il primo mese abbiamo consumato 10 milioni di mascherine, ma avremmo avuto bisogno di 30 milioni. Con 10 milioni sono state coperte solo le necessità sanitarie. Se avessimo dovuto distribuirle anche a RSA, Comuni che ce le chiedono, avremmo avuto bisogno di 30 milioni". Lo ha detto il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, nel corso del punto stampa quotidiano sull'emergenza coronavirus.

    A chi gli chiedeva quanto fosse arrivato dalla Protezione civile, Fontana, dopo aver ribadito che i dati precisi saranno messi online domani, ha risposto: "Dalla Protezione civile sono arrivate 2 milioni, che comprendono anche le 800 mila 'swift' su cui ha ironizzato il presidente De Luca. Altre donazioni, di altri soggetti, volano con la Protezione civile e vengono comunque accreditate alla Protezione civile". Ma non servono solo mascherine: "Abbiamo dovuto comprare - conclude il governatore - 50 tipi diversi di presidi, come ad esempio camici idrorepellenti".

  • 13:18

    Nuova stretta a Singapore: chiudono scuole e uffici

    Nuova stretta per limitare i contagi da coronavirus a Singapore che ha deciso di chiudere tutte le scuole dal prossimo 8 aprile, e gran parte degli uffici dal 7 aprile prossimo fino al 5 maggio. A rimanere aperti saranno i servizi essenziali come mercati, supermercati, cliniche, ospedali, utilities, societa' di trasporti e servizi bancari.

    L'annuncio e' stato dato dal primo ministro della città-Stato asiatica, Lee Hsien Loong: Singapore, ha detto, ha scelto "una mossa decisiva ora, per prevenire un'escalation dei contagi", invece di rafforzamenti graduali. Singapore aveva varato alcune delle misure piu' severe già all'indomani dello scoppio dell'epidemia in Cina, ma oggi teme una nuova ondata di contagi. Sono oltre 1.100 i casi accertati sul territorio, secondo l'ultimo conteggio, con cinque morti. 

  • 13:12

    In Gran Bretagna contagiato quasi l'8% del personale sanitario

    Circa l'8% del personale NHS del Regno Unito è attualmente ammalato e il 5,7% dei medici è a casa per malattia. Secondo il ministro, anche chi è guarito dal Covid-19 debba continuare a praticare le regole di distanziamento sociale.

  • 13:08

    In Francia salta il "bac" per 750 mila liceali


    Come conseguenza dell'epidemia di Covid-19 in Francia salta l'esame di maturità, il temutissimo "bac", sostituito dalla valutazione dei voti ottenuti nel corso dell'anno. Il governo francese ha anche deciso di rafforzare i controlli per evitare le partenze in vista di Pasqua.

  • 13:04

    Spallanzani: 195 positivi, 22 con supporto respiratorio

    "I pazienti Covid-19 positivi sono in totale 195. Di questi, 22 necessitano di supporto respiratorio". Cosi' si legge nel bollettino medico diramato oggi dallo Spallanzani. "I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 190". Il nosocomio precisa che "in giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici"

  • 12:21

    La Spagna supera l'Italia, oltre 117 mila contagiati

    La Spagna supera l'Italia per numero di contagiati. Secondo gli ultimi dati di Madrid i casi confermati di Covid-19 sono 117.710, superando i 115.242 dell'Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 932 decessi che hanno portato il totale a 10.935.

  • 12:11

    Per l'Iss si conferma il trend di decrescita dei casi in Italia

    Confermiamo il trend di nuovi casi che vanno decrescendo. Dai dati tutto viene confermato: alcune zone a più alta circolazione, altre a circolazione intermedia, altre bassa. Il virus circola ovunque, ma con intensità e frequenza di circolazione diverse. Dobbiamo mantenere molto elevata la soglia di attenzione e mantenere le restrizioni". Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nel punto stampa sull'andamento dell'epidemia

  • 11:59

    In Italia 71 medici morti, 10.657 operatori sanitari contagiati

    Sale a 71 il numero dei medici morti per coronavirus dall'inizio dell'epidemia, due più di ieri. È il dato fornito dalla federazione degli ordini dei medici (Fnomceo), che nel suo sito, listato a lutto, riporta il drammatico elenco delle vittime.

    Mentre sale a 10.657 il numero degli operatori sanitari contagiati, poco meno del dieci per cento del totale dei casi, secondo quanto riportato dall'infografica dell'Istituto Superiore di Sanità sull'andamento dell'epidemia, aggiornata a ieri sera.

  • 11:09

    Per alberghi e hotel crollo del fatturato di oltre il 44%

    Il lockdown disposto per contenere i contagi da Covid19 porterà nel 2020 ad un crollo del fatturato per le srl del settore ristoranti e alberghi (72.748 societa' che nel 2019 hanno fatturato 37,8 miliardi di euro), di 16,7 miliardi di euro, pari ad un calo, rispetto al 2019, del 44,1%. Sono le stime quantificate dall'Osservatorio sui bilanci 2018 delle SRL del Consiglio e della Fondazione Nazionali dei Commercialisti. In particolare, il comparto della ricettività alberghiera è colpito da una perdita di 7,9 miliardi di euro, pari a -53,8%, mentre la ristorazione da una contrazione di 8,8 miliardi di euro pari a -37,9%.

  • 10:35

    Borrelli: il Primo Maggio lo faremo a casa

    Anche il primo maggio a casa? "Penso di sì, Non credo che questa situazione passerà per quella data". Lo ha detto il capo della protezione civile Angelo Borrelli ai microfoni di Radio Anch'io su Radio Rai sottolineando quanto sia necessario mantenere "comportamenti rigorosissimi. Dovremo stare a casa per molte settimane". 

  • 10:11

    Fontana, ora inizia la fase peggiore

    "Bastano un paio di giorni di notizie positive e la gente pensa che sia finito tutto, ma siamo ancora nel bel mezzo dell'epidemia e se noi la vogliamo interrompere dobbiamo rispettare le regole. Adesso c'è la fase più difficile, iniziare a scendere. Abbiamo stabilizzato, adesso dobbiamo scendere. Invece c'è gente che pensa che sia finito tutto". Lo ha detto il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, collegato con Mattino 5, parlando dell'emergenza coronavirus. 

  • 10:03

    In Alto Adige la mascherina diventa obbligatoria

    In Alto Adige da oggi è obbligatorio l'uso della mascherina o protezione naso-bocca. Da quello annunciato come "dovere civico" all'obbligo inserito nell'ordinanza d'urgenza presidenziale in materia Covid-19. Il governatore altoatesino Arno Kompatscher nella videoconferenza di ieri aveva detto che indossare la mascherina naso-bocca quando ci si reca fuori dall'abitazione e nei rapporti sociali consentiti è un "dovere civico". Da oggi, però, su tutto il territorio provinciale questa disposizione è diventata un "ordine", a tutti gli effetti un obbligo inserito in ordinanza. La misura di protezione puo' essere una mascherina ma anche una sciarpa o scaldacollo e, come si legge nella sedicesima ordinanza provinciale,

  • 09:36

    Borrelli, l'Italia potrebbe riaprire il 16 maggio

    La fase 2 potrebbe iniziare dal 16 maggio? "Se l'andamento non cambia, potrebbe essere come potrebbe essere prima o dopo. Dipende dai dati. La situazione ora è stazionaria, dobbiamo vedere quando questa situazione inizia a decrescere. Non vorrei dare delle date, pero' da qui al 16 maggio potremo aver dati ulteriormente positivi che consigliano di riprendere le attività e cominciare quindi la fase 2".

    Lo ha detto Angelo Borrelli, intervistato a Circo Massimo su Radio Capital,rispondendo ad una domanda sui tempi della cosiddetta "fase 2", modello basato sulla richiesta di tamponi a tappeto, indagini sierologiche e indagini demoscopiche sulla rete di contagi a cluster di popolazione.

    Secondo Borrelli, quello citato "può essere un modello, ma la decisione va presa dagli esperti che stanno coordinando dall'inizio dell'emergenza la parte tecnico-scientifica. Il comitato tecnico istituito a supporto del Ministero della salute sta lavorando proprio su questo. Ieri in conferenza stampa mi è stata posta questa domanda, ho risposto che era prematuro pronunciarmi, sono gli esperti a dettarci la linea".

  • 09:34

    A Torino si usano i droni per sorvegliare i parchi

    Da oggi pomeriggio a Torino entrano in azione i droni dei carabinieri per sorvegliare i parchi cittadini Colletta, Pellerina e Valentino-Lungo Po Murazzi.

    La decisione è stata presa nel Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica e ha come obiettivo quello di 'scovare' assembramenti di persone, vietati dai provvedimenti emessi per contenere il contagio da Covid-19.

    Il drone e' pilotato da esperti elicotteristi del primo Nucleo elicotteri carabinieri di Volpiano, che saranno affiancati da militari del comando provinciale di Torino per le verifiche su strada. Il drone si alternera' con quello in dotazione alla polizia locale. 

  • 09:29

    Iran, positivo il presidente del Parlamento

    Il presidente del Parlamento iraniano, Ali Lariyani, è risultato positivo al Covid-19 ed è in quarantena, così come molti membri della Camera e del governo del Paese.

    Lariyani è stato sottoposto al test dopo aver presentato "alcuni sintomi" ed è attualmente in cura. Il veterano della politica iraniana, uno dei più noti ad aver contratto il virus, ha ricoperto la carica di capo del ramo legislativo negli ultimi dodici anni.

    Finora almeno 23 dei 290 deputati si sono rivelati positivi al coronavirus, che ha colpito anche diversi parlamentari eletti alle elezioni dello scorso febbraio, in cui prevalgono i conservatori.

    La pandemia si è diffusa in tutto il Paese, dove sono morte 3.160 persone degli oltre 50 mila che sono stati contagiati, secondo i dati di ieri del ministero della Salute.

  • 08:15

    I casi confermati sono oltre 1 milione nel mondo

    I casi accertati di coronavirus hanno superato il milione, secondo le stime di Johns Hopkins University, fra i più accreditati istituti che in questi giorni tengono il conto della diffusione dell'epidemia sulla base dei dati forniti dalle autorità nazionali.

    Se in Europa si registra oltre la metà dei casi, al primo posto della triste classifica dei contagi si confermano gli Stati Uniti con 245 mila, seguita dall'Italia con oltre 115 mila e subito dietro la Spagna con 112 mila casi. Il totale delle vittime ha superato quota 53 mila.

  • 07:57

    In Cina 31 nuovi casi accertati e 60 asintomatici

    La Cina conta 31 nuovi casi accertati di contagio da coronavirus - dei quali 29 provenienti dall'estero e 2 sviluppatisi localmente - e 60 nuovi casi asintomatici.

    In totale, sono 81.620 i casi accertati dall'inizio dell'epidemia, secondo l'ultimo bollettino della Commissione Nazionale per la Sanità cinese, di cui 1.727 ancora ricoverati, e il numero di decessi sale a quota 3.322. Il numero totale dei casi di contagio asintomatici e' di 1.027, tra cui 221 importati dall'estero

  • 07:28

    Australia stima 5-10 milioni casi nel mondo

    I reali casi di coronavirus nel mondo potrebbero essere fra i 5 e i 10 milioni: è la stima del responsabile della sanità australiana Brendan Murphy, secondo il quale la differenza con il milione di contagi attualmente confermati è dovuta alla mancanza di test a tappeto nella maggior parte dei paesi.

    Come ha spiegato in una conferenza stampa, "gli unici numeri di cui mi fido sono quelli australiani, perché abbiamo il più elevato livello di test rapportati alla popolazione"

  • 23:46

    La Francia rinvia al 2021 tre vertici internazionali

    La Francia ha rinviato tre vertici internazionali che erano in programma tra giugno e luglio, tra cui quello dell'Africa-Francia, a causa dell'epidemia di coronavirus. Lo ha reso noto l'Eliseo. Invece del vertice Africa-Francia a Bordeaux, che era previsto per l'inizio di giugno, il presidente, Emmanuel Macron, proporrà "un'iniziativa dedicata alla risposta sanitaria ed economica a Covid-19 in tutto il continente". Il Congresso mondiale sulla conservazione a Marsiglia è rinviato al primo trimestre del 2021 e il Forum sulla generazione dell'uguaglianza a Parigi alla prima metà del 2021, spiega la presidenza francese.

  • 23:37

    Trump: "Fase critica, rispettare linee guida"

    Negli Usa "siamo in una fase critica e per questo vi invito a rispettare le linee guida" di distanziamento sociale fino al 30 aprile. Così il presidente Donald Trump durante la conferenza stampa sul Covid-19. Trump è risultato negativo anche al secondo tampone.

    Trump ha invocato il Defense Production Act, una legge risalente alla Guerra di Corea che consente di controllare le industrie necessarie alla difesa del Paese, per imporre alle società la produzione di ventilatori per curare i malati di coronavirus. In un documento diffuso dalla Casa Bianca, si precisa che l'ordine riguarda sei società: General Electric, Hil-Rom Holdings, Medtronic, Resmed, Royal Philips e Vyaire Medical.

  • 22:49

    Anche la Germania supera il numero di contagi dichiarato dalla Cina

    Anche la Germania supera la Cina per il numero di contagi da Covid-19. Secondo il database della Johns Hopkins University, Berlino ha confermato 84.600 casi, superando la Cina che ne ha finora registrati 82.432. Le vittime della Germania sono 1.097 mentre quelle della Cina sono 3.322. La classifica dei contagi vede in testa gli Stati Uniti (236.339) seguiti da Italia (115.242) e Spagna (110.238).

  • 22:07

    Chiuso il vertice a Palazzo Chigi: "Erogazione veloce delle risorse"

    Si è da poco concluso a Palazzo Chigi il vertice con i capigruppo di maggioranza, alla presenza del presidente del Consiglio Conte, dei ministri Gualtieri e D'Incà. Lo riferisce un comunicato del governo. Al centro dell'incontro l'iter dei decreti-legge attualmente all'esame del Parlamento e la definizione dei prossimi provvedimenti economici che il governo si prepara a varare per contrastare l'emergenza Covid-19 e per dare risposte tempestive ed efficaci a cittadini e imprese. Nel corso della riunione il premier Conte ha assicurato - dice inoltre il comunicato - la massima disponibilità a un'interlocuzione costante con il Parlamento e ha condiviso con le forze di maggioranza la necessità di velocizzare l'erogazione delle risorse.

  • 21:20

    Nel mondo oltre un milione di casi confermati

    Sono stati confermati oltre un milione di contagio di Covid-19. È quanto risulta dai dati elaborati da Afp. I morti sono invece oltre 50 mila e i guariti hanno superato i 200 mila. 

  • 21:08

    Possibile stop imposte per imprese che perdono fatturato

    Nel decreto aprile, sul fronte fiscale, si lavora sulla sospensione dei pagamenti per tutti coloro i quali avranno avuto una perdita di fatturato e sull'accantonamento di un fondo per i successivi ristori. Lo riferiscono fonti delle forze di opposizione al termine della cabina di regia con il governo a cui ha preso parte anche il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. Sarà inoltre confermato il rifinanziamento della cassa integrazione d'emergenza e di tutti i bonus previsti dal decreto Cura Italia. 

  • 20:47

    In Trentino una nuova impennata di casi. Le vittime totali sono 187

    Nuova impennata di casi di coronavirus in Trentino dove la situazione resta drammatica. Dopo una relativa frenata nella crescita dei contagi dei giorni scorsi, in provincia di Trento rispetto a ieri sono 114 in più le persone positive. In totale i contagiati da Covid-19 sono 2.785. In crescita anche i decessi, 14 nelle ultime 24 ore, per un numero complessivo di vittime dall'inizio della pandemia di 187.

    I tamponi effettuati nell'ultima giornata sono stati oltre 800 ma il governatore Maurizio Fugatti ha detto che "l'obiettivo è arrivare a duemila tamponi al giorno". Il presidente trentino ha affermato che "i numeri sono oggettivamente negativi". "Constatiamo anche con i nostri occhi che la gente sta ricominciando ad uscire e questo non va bene. Il virus può colpire tutti, anche le persone giovani. Chiedo ai trentini di rispettare al massimo le regole, altrimenti non potremo mai tornare alla normalita'".

    Dalla prossima settimana a Rovereto presso il laboratorio di patologia clinica ci sarà un nuovo sistema diagnostico che attraverso il prelievo del sangue permettera' di rilevare l'eventuale positivita' al coronavirus

  • 20:35

    Campania: 167 deceduti, 149 guariti su 2456 positivi

    Sono 167 i deceduti in Campania con coronavirus dall'inizio della pandemia, mentre il totale dei guariti aumenta e si attesta a 149, di cui 57 completamente e 92 clinicamente. Il dato è riferito alle rilevazioni di ieri alle 23.59 dell'Unità di crisi regionale che vedevano 2.456 positivi su un totale tamponi di 17.404. Nel Napoletano il numero maggiore di contagi, 1.279 (di cui 542 a Napoli e 737 in provincia); in provincia di Salerno, 385; in quella di Avellino, 290; nel Casertano, 255; a Benvento e nel Sannio, 85; in fase di verifica per l'Asl di appartenenza, 162.

  • 19:50

    Altri 471 morti in Francia, il totale sale a 4.503

    Nelle ultime 24 ore in Francia sono morte 471 persone dopo essere risultate positive al Covid-19. Il totale delle vittime e' a 4.503. Sono i dati riferiti dal ministero della Sanità secondo cui almeno 884 decessi sono avvenuti nelle case per anziani.

  • 19:39

    In Piemonte 10.466 positivi, 217 i guariti

    Sono 10.466 le persone finora risultate positive al coronavirus in Piemonte: 1.433 in provincia di Alessandria, 506 in provincia di Asti, 531 in provincia di Biella, 831 in provincia di Cuneo, 908 in provincia di Novara, 5.044 in provincia di Torino, 528 in provincia di Vercelli, 466 nel Verbano-Cusio-Ossola, 99 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 120 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

    I ricoverati in terapia intensiva sono 456. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 33.431, di cui 19.734 risultati negativi. Il numero di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, e' salito a 217: 12 in provincia di Alessandria, 15 in provincia di Asti, 13 in provincia di Biella, 22 in provincia di Cuneo, 15 in provincia di Novara, 103 in provincia di Torino, 21 in provincia di Vercelli, 10 nel Verbano-Cusio-Ossola, 6 provenienti da altre regioni. Altri 379 sono "in via di guarigione", cioè risultati negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e in attesa ora dell'esito del secondo. 

  • 18:50

    Nel mondo piĆ¹ di 50 mila morti e quasi un milione di casi

    Il bilancio delle vittime di Covid-19 ha superato la soglia dei 50 mila. I casi di contagio invece si avvicinano al milione.

    Il database della Johns Hopkins University segna ancora 49.236 decessi ma senza il dato aggiornato dell'Italia, altri 760 morti, e quelli degli Stati Uniti già comunicati. I contagi segnalati sono invece 965.246 e i guariti 203.007.

  • 18:49

    Oltre 10 mila casi positivi in Veneto, 556 morti

    Salgono a 10251 i casi di positività al coronavirus in Veneto, 140 in più di quelli conteggiati alle 8 di questa mattina. A dirlo è la Regione Veneto attraverso il quotidiano bollettino. Aumentano anche i decessi, arrivati a 556 dall'inizio dell'emergenza. Più di settecento i pazienti negativizzati (guariti).

  • 18:47

    E Milia Romagna: 15.333 positivi (+546), 1.811 decessi (+79)

    In Emilia Romagna sono 15.333 casi di positività al coronavirus, 546 in più rispetto a ieri; 62.027 i test effettuati, 3.570 in più. Questi i dati, accertati alle ore 12 di oggi, sulla base delle richieste istituzionali relativi all'andamento dell'epidemia in regione. I decessi sono passati da 1.732 a 1.811: 79 in più rispetto a ieri di cui 44 uomini e 35 donne.

    Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 1.663 (97 in più rispetto a ieri), 1.177 delle quali riguardano persone "clinicamente guarite", divenute cioé asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione; 486 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

  • 18:45

    A New York 8.661 casi in un giorno

    Sono oltre 92 mila i casi di nuovo coronavirus a New York. Lo ha dichiarato il governatore Andrew Cuomo. Dei 92.381 casi totali, 8.661 sono stati registrati nelle ultime 24 ore. I decessi sono 2.373, 432 in piu' rispetto a ieri. Negli Stati Uniti in totale i casi sono 217.263 con 5.151 morti