I guai della sanità sono colpa della sinistra, dice Virginia Raggi

I guai della sanità sono colpa della sinistra, dice Virginia Raggi

Il sindaco di Roma chiede "poteri speciali ai Comuni, bisogna far partire i cantieri”. “Basta privatizzazioni e tagli: la Capitale deve poter spendere” 

coronavirus sanita sinistra virginia raggi

© Alessandro Serrano' / AGF
- Nicola Zingaretti e Virginia Raggi

“Noi come amministrazione ci siamo sempre battuti contro le privatizzazioni selvagge e per un ritorno e una valorizzazione dei servizi pubblici”. In un’intervista a Il Fatto Quotidiano la sindaca di Roma Virginia Raggi difende il sistema pubblico contro l’ideologia delle privatizzazioni criticando quanti “ci hanno accusato di essere dei nostalgici” perché si tratta di una critica che è mossa “da quella cosiddetta sinistra che ha smantellato la sanità pubblica”. 

Virginia Raggi sostiene infatti che “se ben gestito, lavora meglio del privato” e in ogni caso ora si tratta “di recuperare spazi per la sanità pubblica” e proprio per questo come prima cittadina della Capitale, racconta, “ho sottoscritto la petizione per la riapertura dell’ospedale Forlanini, che tra l’altro era specializzato nel trattamento delle malattie respiratorie e infettive” per il quale, a suo avviso, “basterebbero 30 giorni per rimettere in funzione alcuni padiglioni” purché si volesse. Poi la sindaca aggiunge: “Verifichiamo: c’è un’emergenza in atto, il tema della riapertura esiste. E non è il caso di fare polemiche”.

Un’ultima domanda dell’intervista alla sindaca Raggi riguarda la sua dichiarazione di sentirsi vicina in questa fase di emergenza “ai lavoratori in nero”. È per caso pentita di averlo detto, visto che la sua dichiarazione è parsa legittimare una piaga sociale? Ma Raggi risponde invece di essere “contrarissima al lavoro nero” ma anche di condannare “l’ipocrisia di chi non vuole vedere”, per poi sollecitare: “Tuteliamo i lavoratori, ma nessuno va lasciato indietro, compresi i tanti che questa crisi ha lasciato a casa senza garanzie”. Ciò che giustifica “l’importanza del pubblico”, rimarca la sindaca.