Strage di Bologna: avviso di fine indagini per quattro persone, c'è anche l'ex generale Spella

Strage di Bologna: avviso di fine indagini per quattro persone, c'è anche l'ex generale Spella

Tra i destinatari anche Paolo Bellini di Avanguardia Nazionale, ritenuto esecutore

strage bologna fine indagini

 Strage stazione di Bologna 1980

La Procura generale di Bologna ha chiuso la nuova inchiesta sulla strage del 2 agosto 1980 notificando quattro avvisi di fine indagine. Tra i destinatari, Paolo Bellini, ex primula nera di Avanguardia Nazionale, ritenuto esecutore. Secondo l’accusa avrebbe agito in concorso con Licio Gelli, Umberto Ortolani Federico Umberto D’Amato e Mario Tedeschi, tutti deceduti, e ritenuti dai pg mandanti, finanziatori o organizzatori.

Sempre Bellini, secondo la ricostruzione della Procura generale, avrebbe agito in concorso con Fioravanti, Mambro e Ciavardini, condannati in via definitiva come esecutori della strage alla stazione di Bologna. Altri due avvisi di fine indagini sono stati notificati all’ex generale dei servizi segreti Quintino Spella e a Piergiorgio Segatel ex carabiniere del nucleo investigativo di Genova: ad entrambi si contesta il reato di depistaggio.    

Avviso di fine indagine, infine, anche per Domenico Catracchia, amministratore di condominio di immobili in via Gradoli a Roma, per il quale si ipotizza il reato di false informazioni al pubblico ministero. Licio Gelli e Umberto Ortolani sono ritenuti dai Pg di Bologna mandanti-finanziatori; Federico Umberto D’Amato mandante-organizzatore e Tedeschi organizzatore per aver coadiuvato D’Amato nella gestione mediatica della strage, preparatoria e successiva, nonché nell’attività di depistaggio delle indagini.

La Procura generale di Bologna aveva avocato a sé l’inchiesta sui mandanti nell’ottobre del 2017 dopo che la Procura ordinaria aveva chiesto l’archiviazione del fascicolo. Le indagini sono state condotte dalla guardia di finanza, dalla Digos e dal Ros. L’avviso di fine indagini è firmato dai sostituti procuratori generali, Nicola Proto e Umberto Palma e dall’avvocato generale Alberto Candi. L’inchiesta era partita da una corposa memoria difensiva presentata alla procura di Bologna dai legali dell’Associazione dei familiari delle vittime del 2 Agosto.