Salvini posta un video: la polizia francese che accompagna 3 persone al confine italiano

Dice il ministro dell'Interno: "Senza spiegazioni rapide, complete e convincenti ci troveremmo di fronte a una provocazione e a un atto ostile! È un episodio che può danneggiare gravemente i rapporti Italia-Francia"

Salvini posta un video: la polizia francese che accompagna 3 persone al confine italiano

Un nuovo video, girato questa mattina, mostra ancora un'auto della Gendarmerie francese 'scaricare' tre migranti in territorio italiano, a Claviere. Il video, girato da un cittadino del posto, è stato diffuso questa sera da Matteo Salvini, che l'ha 'postato' sulla propria pagina Facebook. Nelle immagini si vede arrivare una vettura, scendere da essa un poliziotto e tre persone di colore che portano degli zaini.

Ai tre il poliziotto francese indica la strada su cui incamminarsi, e quindi riprende il suo posto al lato passeggeri della vettura che a quel punto si allontana. Salvini scrive a corredo delle immagini "Inviato da un cittadino di Claviere che l'ha girato questa mattina. Anche questa auto della polizia francese aveva sbagliato strada???
Macron, rispondi!". 

E successivamente, in una dichiarazione il vice premier e ministro dell'Interno dice: "La Francia ha ammesso che venerdì scorso ha trasportato, 'per errore', un paio di immigrati in territorio italiano. A Parigi si sono perfino risentiti, perché non ho accettato le scuse e ho chiesto mi venissero fornite le generalità degli stranieri abbandonati nei boschi. I francesi non hanno risposto. In compenso, questa mattina alle 9,30, un cittadino di Claviere ha filmato la polizia di Macron che entra in Italia e lascia per strada un gruppo di persone. Chi sono? Da dove vengono? Perché non siamo stati avvertiti? Senza spiegazioni rapide, complete e convincenti ci troveremmo di fronte a una provocazione e a un atto ostile! È un episodio che può danneggiare gravemente i rapporti Italia-Francia, e non per nostra scelta. Ci riflettano anche gli amici del Movimento 5 Stelle: chi vuole mettere in difficoltà il Paese non è tra di noi, ma è fuori...".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.