Legittima difesa: Anm, si rischia di legittimare l'omicidio

I magistrati non condividono la riforma della legittima difesa, già approvata in Senato e ora al vaglio della Camera. Il testo contiene "gravi criticità": non può essere abbandonato il principio di proporzionalità, altrimenti non ci saranno più regole, confini e si rischia di legittimare anche i reati più gravi, perfino l'omicidio", ha ribadito il presidente dell'Anm Francesco Minisci, sentito in audizione alla Commissione Giustizia di Montecitorio. Secondo Minisci, la riforma presenta "profili di incostituzionalità".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.