10 consigli per limitare i furti d'auto hi-tech

Ladri sempre più esperti con strumenti tecnologici e informatici complessi. La Polizia di Stato racconta all'Agi le tecniche più diffuse

furti auto cyber security

È una rincorsa continua, sempre più all'insegna dell'hi tech, quella che - sulla frontiera dei furti d'auto - vede impegnati i ricercatori delle grandi case automobilistiche e i gruppi criminali ingolositi da un business illegale in crescita in Europa e negli Usa, con profitti stimati intorno ai 20 miliardi di euro. Una cosa è certa: il vecchio 'topo d'auto' armato di 'spadino' è praticamente sparito dalla circolazione, sostituito da professionisti tecnicamente preparati e con un solido background informatico. Un'evoluzione confermata dal fatto che sempre più spesso vengono ritrovate auto che non presentano alcun segno di effrazione.

furti auto cyber security

Sono gli stessi investigatori della Polizia di Stato a spiegare all'AGI come le modalità di intrusione in un veicolo siano di fatto due: il furto puro e semplice delle chiavi e la clonazione del segnale - trasmesso dal telecomando - che, una volta captato dalla centralina abbinata a quelle chiavi, consente lo sblocco della serratura e l'avvio del motore. Quattro i metodi più frequenti:

  1. infrangere il cristallo della vettura per poi sbloccare la chiusura centralizzata delle portiere: un "metodo obsoleto, usato da ladri meno raffinati", conferma la Polizia, anche perché comporta più rischi, dal rumore alla possibilità di essere sorpresi o di restare feriti;
  2. interferire con il segnale di chiusura del telecomando mediante l'utilizzo di disturbatori di frequenze, i cosiddetti jammers: è la tecnica più ricorrente nei centri commerciali o negli autogrill;
  3. copiare il segnale della chiave del telecomando (con un dispositivo detto Rf Sniffer) e inviarlo su una chiave predisposta alla memorizzazione ai fini della successiva duplicazione: spesso i ladri operano in coppia proprio per effettuare entrambe le operazioni e portare a termine il furto;
  4. copiare il codice identificativo della chiave con l'utilizzo di un laser scanner.

Le auto più rubate

Quanto ai modelli di auto più presi di mira, ogni dieci rubati nella prima metà di quest'anno uno è una Fiat Panda (il 10,6% del totale nazionale di categoria): seguono, come nel 2016, Fiat Punto (8,38%), Fiat Cinquecento (8,14%), Lancia Y (4,11%) Ford Fiesta (3,71%), Volkswagen Golf (3,11%), Fiat Uno (2,65%) Smart Fortwo (2,06%), Renault Clio (1,73%) e Opel Corsa (1,24%). Tra i fuoristrada, Nissan Qashqai (14,17% dei furti sul totale nazionale di categoria), Kia Sportage (9,07%) e Toyota Rav (7,7%) scalzano dal primo posto del 2016 Land Rover-Range Rover (7,53%).

"Le auto, così come i beni di uso e consumo collettivo - spiegano alla Polizia stradale - possono rientrare nella categoria degli status symbol e pertanto determinati modelli e marche risultano più o meno richiesti in un certo momento storico: ecco perchè non è raro imbattersi in vetture rubate, di elevata cilindrata e pregio, lungo le rotte che portano verso i Paesi Medio-Orientali (Ferrari, Porsche, Lamborghini, Pagani Zonda)".

L'elettronic key impressioner riesce attraverso un sensore a copiare i dati della chiave del veicolo e poi, tramite presa usb collegata a un pc, a riprodurla. Aperto lo sportello, il 'problema' è avviare il motore, quindi duplicare la chiave. La disponibilità di un lettore collegato alla presa OBD (On Board Diagnostics) consente di accedere, oltre che a tutti i dati del veicolo, "spesso anche al codice identificativo della chiave che può essere copiato e contestualmente trasferito su una chiave riprogrammabile quale clone della chiave originale in grado di dialogare con la centralina".

Operazione questa che gli "esperti del mestiere" portano a termine in pochi minuti. è possibile anche il percorso inverso: ovvero, "avendo già una centralina ed una chiave abbinata, sostituirle a quelle equipaggiate sul veicolo". Una curiosità: determinate marche e modelli vengono rubati, riciclati e reimmessi sul mercato - a fronte di un'alterazione dei numeri identificativi, della sostituzione delle targhe, del rinvenimento di nuovi documenti di circolazione - proprio in relazione alle novità tecnologiche, "in base all'assioma che, trovata una nuova tecnologia, se ne trova contemporaneamente la relativa vulnerabilità".

Dieci raccomandazioni

Il fenomeno è tanto esteso da rendere praticamente impossibile azzerare il rischio di subire un furto della propria auto. Ma il rispetto rigoroso di queste dieci regole consigliate dalla Polizia di Stato può sicuramente garantire una maggiore protezione alla nostra auto.

furti auto cyber security
  1. Non lasciare l'auto accesa e con le chiavi. Molti furti avvengono proprio per distrazione degli automobilisti.
  2. Evitare di lasciare aperti i finestrini o il tettuccio. Ai ladri basta un attimo per portare via l'autovettura.
  3. Evitare di lasciare l'auto di notte in parcheggi isolati o incustoditi, prediligendo sempre parcheggi dotati di sistemi di videosorveglianza.
  4. Evitare di poggiare le chiavi dell'auto sui tavolini di bar, ristoranti e locali: il pericolo è di non trovarle più e facilitarne la duplicazione. Proteggere le chiavi/telecomando il più possibile attraverso custodie che possano impedire di captare i segnali radio, così come avviene per le carte di credito di ultima generazione.
  5. Percorrendo una strada extraurbana prestare attenzione in caso di tamponamento 'leggero' da parte di un'altra vettura e di conseguente stop: si tratta di un trucco molto gettonato per sottrarre l'auto o approfittarne per far sparire borse, cellulari, tablet.
  6. Evitare di lasciare all'interno dell'auto oggetti che possano richiamare l'attenzione, specie nei periodi di vacanza. Lasciare il portaoggetti aperto, per dimostrare che all'interno non c'è nulla di valore. Nemmeno le chiavi di riserva.
  7. Proteggere la vettura con un sistema di antifurto meccanico, satellitare o elettronico, in grado comunque di rendere più difficile il lavoro del ladro.
  8. Quando si parcheggia all'interno di un piazzale di un centro commerciale o presso una stazione di servizio o altro luogo affollato, prima di distogliere completamente l'attenzione dall'auto accertarsi di aver udito l'effettivo funzionamento della chiusura centralizzata, verificando che fari e frecce abbiano recepito l'impulso, lampeggiando. Fare sempre un controllo manuale per constatare l'avvenuta chiusura.
  9. Considerato che i furti d'auto alimentano spesso anche il mercato parallelo dei pezzi di ricambio, reperire un pezzo attraverso canali non ufficiali potrebbe comportare seri rischi: la gestione della tecnologia sempre più sofisticata del veicolo può essere compromessa, con gravi ripercussioni per la sicurezza. 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it