L'immagine che tutti ricorderemo del funerale delle vittime di Genova

La bara del piccolo Samuele protetta dalle altre 18 è diventata l'immagine simbolo della cerimonia: la disposizione delle bare racconta il dolore di una comunità nel giorno del lutto nazionale

funerali genova vittime bare
 (Afp)
 Il momento della benedizione della bara del piccolo Samuele da parte del Cardinale Bagnasco

I bambini sempre prima, sono i più indifesi, i più deboli. E vanno protetti. Ed è sembrato così nel padiglione Blu della Fiera di Genova: Samuele nella sua bara bianca è la più piccola delle vittime del crollo del ponte Morandi. Il feretro di Samuele era davanti a tutti gli altri, che posti a semicerchio sembrava proprio che lo proteggessero.

Un semicerchio di dolore, come mostravano i volti dei congiunti delle 19 vittime di cui si sono celebrate le esequie. sembrava proprio che lo proteggessero. Quello dei bambini è un mondo fantasioso talmente vasto, ampio, che nessuno e niente potrebbe condensarlo in un simbolo, un orpello.

Forse è per questo che sulla bara di Samuele non c'era alcun segno che rimandasse al suo essere quotidiano, solo un cuscino di piccole rose gialle. Per tutti gli altri, sulla bara e ai piedi della stessa, cuscini di rose bianche, con la dedica "i genovesi".

funerali genova vittime bare
 (Afp)
 La disposizione delle bare durante i funerali di Genova

Uguali per tutti, senza distinzione alcuna perché il destino è stato lo stesso per tutti quella mattina di martedì 14, quando le auto e i camion su cui viaggiavano sono stati inghiottiti nel vuoto che si è spalancato, come fauci ingorde, sul ponte.

Un salto durato poco attimi e finito con la morte di tutti. E stamane quella famiglia di Samuele è stata ancora assieme, unita pur se distinta in tre bare. Una in legno bianco e, quelle di mamma e papà, in color mogano.

Ancora insieme i tre amici francesi e un quarto giovane a cui avevano dato un passaggio. Ancora insieme amici italiani, o gli operai albanesi. Diciotto bare tutte dello stesso colore, e poi quella bianca, a simboleggiare quasi ancor piu che la tragedia ha colpito senza distinzioni. Perché un ponte ha ceduto.

Se sul feretro di Samuele non c'era null'altro a parte i fiori, perché il bianco è già esso un segno distintivo, diverso è per gli altri, per gli adulti. E così su alcune delle altre bare c'erano foto o simboli che tracciano, descrivono la vita che è stata di questa gente.

funerali genova vittime bare
 (Afp)
 Il dolore dei familiari delle vittime 

Come nel caso di Andrea Cerulli, lavoratore portuale a Genova, oppure le bandiere vermiglio dell'Albania, con l'aquila ad ali dispiegate, con cui orgogliosamente i congiunti di due delle vittime, Marjus e Admir, hanno quasi avvolto le bare dei loro cari.

E su una delle due, anche la maglietta della squadra di calcio in cui militava. In questi metri quadrati sono condensati tanti mondi, tanti momenti; esistenze diverse tra loro e che forse senza quel cedimento del ponte mai si sarebbero incrociate.

E invece si sono ritrovate accomunate sul fondo di un improvviso precipizio che finora solo nell'immaginazione si poteva pensare ci fosse e che invece è diventato cruda e mortale realtà. Esistenze stroncate e ora tutte insieme qui, sotto gli occhi del mondo: il crollo del ponte ha fatto notizia ovunque, a centinaia gli inviati dei media arrivati a Genova.

E i funerali hanno lo stesso clamore. Celebrati in un padiglione dove si svolge annualmente il Salone Nautico. Dire Salone Nautico equivale a dire mare, prendere il largo. Per una volta, sperando che sia l'unica e ultima in circostanze simili, a prendere il largo dai propri affetti sono state - a prescindere di quante fossero qui oggi - 38 vite umane. Navigano in un mare senza tempo e spazio. Il perché sia avvenuto in quella maniera lo stabiliranno gli uomini in terra.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it