La dieta consigliata per prepararsi alla maturità

No all'abuso di caffè e sì alla frutta. I consigli degli esperti e gli alimenti 'promossi' e 'bocciati'

dieta esame maturita

L'abuso di caffè è l'errore alimentare più frequente degli studenti che si preparano ad affrontare l'esame di maturità, perché provoca eccitazione, ansia ed insonnia che fanno perdere concentrazione e serenità. Da privilegiare, invece, è la frutta che aiuta a rilassarsi e a combattere il grande caldo che disturba in questi giorni gli studi. Sono questi i consigli alimentari degli esperti agli oltre 520 mila studenti che tra due giorni dovranno affrontare il temuto esame di Stato.

La lista degli alimenti 'promossi e bocciati' è lunga. tra i primi ci sono sicuramente pane, pasta o riso, lattuga, radicchio, cipolla, formaggi freschi, yogurt, uova bollite, latte caldo, frutta dolce e infusi al miele. Tutti cibi che aiutano a vincere la preoccupazione in quanto ricchi di sostanze rilassanti, favoriscono quindi il sonno e aiutano l'organismo a rilassarsi per affrontare con la necessaria energia e concentrazione la sfida scolastica.

Per affrontare il rush finale sono da evitare, perché possono provocare insonnia e agitazione, oltre al caffé anche patatine in sacchetto, salatini e cioccolata, spesso presenti tra le scorte di emergenza delle ansiose vigilie.

Per affrontare al meglio l'esame, è necessario, inoltre, cercare di riposare adeguatamente facendo attenzione all'alimentazione, evitando sia il digiuno che gli eccessi, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti. Tra i condimenti out sono da evitare cibi con sodio in eccesso per cui vanno banditi curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina. Anche gli alimenti in scatola per l'eccesso di sodio e di conservanti sono da tenere lontani. 

Esistono invece cibi che grazie alla presenza di un aminoacido, il triptofano, favoriscono la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. La serotonina, in particolare, aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione, ma effetti positivi nella dieta serale si hanno con legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi.

Tra le verdure - ricordano ancora gli esperti - al primo posto la lattuga, seguita da cipolla e aglio, perché le loro spiccate proprieta sedative conciliano il sonno. Bene anche un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a letto, che oltre a diminuire l'acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze, presenti anche in formaggi freschi e yogurt, che sono in grado di attenuare insonnia e nervosismo. Infine un buon dolcetto di incoraggiamento ricco di carboidrati semplici ha una positiva azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un'atmosfera di relax e di piacere che distende la mente e la rende più pronta a rispondere alle sollecitazioni degli esaminatori.

Per quanto riguarda la memoria, ottima alleata per chi deve sostenere un esame, sono quattro le regole dietetiche da tenere a mente: non esagerare con le calorie e mantenere un peso corretto; non eccedere con grassi animali e zuccheri semplici; privilegiare i carboidrati integrali e determinati grassi come quelli del pesce; seguire una dieta varia, ricca di frutta e verdura, per assicurare un buona dose quotidiana di sostanze antiossidanti.

Numerosi studi hanno dimostrato che un'alimentazione ricca di grassi sia di origine animale (burro, panna, formaggi, carni grasse, salumi ecc.) che vegetali, diminuisce l'efficienza delle cellule nervose, peggiorando la capacità di apprendimento e mnemoniche. Le vitamine, al contrario, contenute principalmente nella frutta e nella verdura, contribuiscono all'efficienza dell'organismo e quindi delle capacità mentali. Tra quelle più importanti a tale scopo ci sono: la E, la A e la C. Tutte hanno un'azione benefica sui vasi sanguigni e quindi consentono una buona circolazione a livello cerebrale. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.