Mai così poche nascite dai tempi di Garibaldi - Infografica

Mai così poche nascite dai tempi di Garibaldi -    Infografica
Nursery, reparto maternita', neonati (Agf) 

Roma - Nascite in caduta libera in Italia: nel 2015 sono state 488mila, 8 per mille residenti, quindicimila in meno rispetto al 2014, toccando il minimo storico dalla nascita dello Stato italiano. Lo dice l'Istat che ha diffuso gli indici demografici. Insomma, pur essendo in 155 anni quasi triplicato il numero degli abitanti della penisola - passati da 22 milioni agli oltre 60 di oggi - il numero dei nati è tornato a quello dei tempi di Garibaldi. Oggi ogni donna fa in media 1,35 figli e per il quinto anno consecutivo c'è una riduzione della fecondità. L'età media delle donne al momento del parto è salita a 31,6 anni. 

Sociologo: culle vuote colpa di una società "adolescente"

Residenti in calo, ma aumenta numero degli stranieri
Al primo gennaio 2016 la popolazione residente in Italia è pari a 60 milioni e 656mila unità, di cui 55 milioni e 602mila italiani con un calo di 179mila unità, e 5.054mila stranieri che aumentano di 40mila rispetto al 2015. L'Istituto sottolinea come nel complesso la popolazione residente sia calata di 139mila unità sempre rispetto allo scorso anno. Gli stranieri residenti in Italia al primo gennaio 2016 sono 5 milioni 54mila e rappresentano l'8,3% della popolazione totale. Rispetto a un anno fasi riscontra un incremento di 39mila unità. La popolazione diminuisce uniformemente sul territorio, ma con maggiore intensità nel Mezzogiorno (-3,1 per mille) rispetto al Nord (-1,8) e al Centro (-2,1). Lombardia (+0,5 per mille) e, soprattutto, Trentino-Alto Adige (+2,3) rappresentano le uniche realta' in cui la popolazione aumenta. Si registrano altrove diminuzioni ovunque, particolarmente intense in Liguria (-7,9 per mille), Valle d'Aosta (-7,2 per mille ), Basilicata (-5,2) e Marche (-5,1).

2015, l'anno del picco di mortalità
Il 2015 si ricorderà anche come l'anno in cui è stato toccato il picco più alto di decessi dal secondo dopoguerra: i morti secondo gli indicatori dell'Istat sono stati 65 mila, 54mila in più dell'anno precedente (+9,1%). L'aumento di mortalità risulta concentrato nelle classi di età molto anziane (75-95 anni). Il tasso di mortalità, pari al 10,7 per mille, è il più alto tra quelli misurati dal secondo dopoguerra in poi. Dal punto di vista demografico, il picco del 2015 è in parte dovuto a effetti strutturali connessi all'invecchiamento e in parte al posticipo delle morti non avvenute nel biennio 2013-2014, piu' favorevole per la sopravvivenza.

Iss, boom mortalità per caldo e crollo vaccini

Coldiretti, picco decessi nell'anno più caldo di sempre

Diminuisce la speranza di vita
Nel 2015 il peggioramento delle condizioni di sopravvivenza si traduce, per gli uomini come per le donne, in una riduzione della speranza di vita. Alla nascita quella dei primi si attesta a 80,1 anni, con una riduzione di 0,2 sul 2014; quella delle donne invece è di 84,7 anni, in calo di 0,3. Guardando i dati in serie storica (dal 1974, primo anno dal quale l’Istat dispone di una serie continua) non è la prima volta che la speranza di vita alla nascita registra variazioni congiunturali di segno negativo (nel 1975 e nel 1983; nel 1980, nel 2003 e nel 2005 limitatamente alle donne) ma mai di questa intensità, in particolar modo per le donne.

L'Italia continua a invecchiare
Secondo gli indici demografici dell'Istat,il processo di invecchiamento assoluto e relativo, non arretra. Gli ultrasessantacinquenni sono 13,4 milioni, il 22% del totale. In diminuzione risultano sia la popolazione in età attiva (15-64 anni) sia quella fino a 14 anni. La prima scende a 39 milioni, il 64,3% del totale, la seconda comprende 8,3 milioni di ragazzi e rappresenta il 13,7%.

Nel 2015 in centomila hanno lasciato il Belpaese
Sono centomila i cittadini italiani che nel 2015 si sono cancellati dall'anagrafe per trasferirsi altrove. Lo dice l'Istat aggiugendo che il dato è in aumento rispetto al 2014. Lo scorso anno le iscrizioni dall'estero di stranieri sono state 245 mila e 28mila i rientri in patria degli italiani. Le cancellazioni per l'estero riguardano 45 mila stranieri e 100mila italiani. Il saldo migratorio netto con l'estero e' di 128 mila unità, corrispondenti a un tasso del 2,1 per mille. Tale risultato, frutto di 273mila iscrizioni e 145mila cancellazioni, rappresenta un quarto di quello conseguito nel 2007 nel momento di massimo storico per i flussi migratori internazionali.

Si emigra perchè non c'è certezza del futuro

I trasferimenti di residenza dentro i confini nazionali scendono, dopo 12 anni, sotto il livello del milione e 300mila, con una contrazione del 3% sul 2014. Per quanto riguarda i trasferimenti tra Comuni, si conferma un saldo migratorio interno positivo per le regioni del Nord (+0,9 per mille abitanti) e Centro (+0,6) e negativo per quelle del Mezzogiorno (-2,5). Il saldo migratorio netto con l'estero è di 128mila unità, corrispondenti a un tasso del 2,1 per mille. Tale risultato, frutto di 273mila iscrizioni e 145 mila cancellazioni, rappresenta un quarto di quello conseguito nel 2007 nel momento di massimo storico per i flussi migratori internazionali.
L'aumento della mortalità nel 2015, concentrato in particolare nelle età senili (75-95 anni), non ha rallentato il processo di invecchiamento della popolazione. Tra il 1° gennaio 2015 e il 1° gennaio 2016 gli ultrasessantacinquenni residenti in Italia passano da 13,2 a 13,4 milioni in termini assoluti, e dal 21,7 al 22% in termini relativi. Ciò accade in quanto la generazione dei neo 65enni al primo gennaio 2016 (i nati del 1950) copre oltre misura le perdite registrate per morte tra la popolazione anziana e perche' anche tra gli over65 il saldo migratorio con l'estero risulta in attivo. I residenti di 75 anni e più, i piu' penalizzati dall'aumento di mortalita', passano nell'insieme da 6,7 a 6,8 milioni. Scende a 39 milioni, invece, la popolazione in eta' attiva (15-64 anni) che oggi rappresenta il 64,3% del totale (64,5% un anno prima). Cosi' come pure scende la quota di giovani fino a 14 anni di eta', dal 13,8 al 13,7% del totale.%. In complesso, l'eta' media della popolazione si accresce di ulteriori due decimi, arrivando a 44,6 anni. La Liguria, quindi, rimane la regione con l'eta' media della popolazione piu' alta (48,5 anni) e con la piu' alta percentuale di individui di 65 anni e oltre (28,2%). A forte invecchiamento sono anche il Friuli-Venezia Giulia (46,9 anni di eta' media con un 25,4% di ultra 65enni) e la Toscana (46,5 e 24,9%). In Campania si registra l'eta' media della popolazione piu' bassa (41,7 anni) e la quota di 65enni e oltre è pari al 17,9%. (AGI)