Facebook ha oscurato definitivamente le pagine di CasaPound e Forza nuova

La decisione, adottata direttamente dal sito web fondato da Zuckerberg, non è necessariamente legata a specifici e recenti episodi ma è piuttosto frutto di un lungo processo di analisi e valutazione di quanto detto e scritto in questi mesi dalle organizzazioni e dai singoli militanti

CasaPound Forza nuova oscuramento facebook
Alexander Pohl / NurPhoto / Afp

Con il provvedimento di oggi, è ormai definitivo l'oscuramento, da parte di Facebook, delle pagine di CasaPound e Forza Nuova e dei relativi profili social. Non c'è lo zampino delle forze dell'ordine o della magistratura. La decisione, adottata direttamente dal sito web fondato da Zuckerberg, non è necessariamente legata a specifici e recenti episodi ma è piuttosto frutto di un lungo processo di analisi e valutazione di quanto detto e scritto in questi mesi dalle organizzazioni e dai singoli militanti.

Del resto la 'policy' parla chiaro, perche' Facebook da sempre banna individui o gruppi che proclamano missioni violente o che incitano all'odio o che sono coinvolti in azioni violente, come può essere, ad esempio, una manifestazione. Questo indipendentemente dall'ideologia o dalla motivazione. Un soggetto e un'organizzazione vengono definiti pericolosi sulla base di alcuni segnali oggetto di monitoraggio: e cioè se hanno promosso o direttamente compiuto atti di violenza contro persone sulla base di fattori come razza, etnia o nazionalità; se si autodefiniscono o si identificano come seguaci di un'ideologia di odio; se usano discorsi di odio o insulti nella loro sezione Informazioni su Facebook, Instagram o su un altro social media; se hanno gestito pagine o gruppi che sono stati rimossi da Facebook, o account rimossi da Instagram, per aver pubblicato contenuti che non rispettano le 'policy' contro l'incitamento all'odio. I partiti e i movimenti politici, cosi' come gli individui e tutte le altre organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare questi standard e, se una pagina o una persona violi ripetutamente questi standard della community, c'è la rimozione immediata dalla piattaforma.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.