Si allarga lo sciopero ad Amazon. Il venerdì nerissimo dei magazzinieri

Nello stabilimento di Piacenza incrociano le braccia anche i lavoratori interinali. E la protesta si allarga in Germania. Cosa sta succedendo. Un articolo del Sole 24 Ore

Si allarga lo sciopero ad Amazon. Il venerdì nerissimo dei magazzinieri
 Afp
 Stabilimento Amazon a nord di Londra

Alla fine, contrariamente a quanto annunciato nei giorni scorsi, alla protesta dei lavoratori di Amazon di Piacenza si sono aggiunti anche i lavoratori occasionali. E così, nel giorno del Black Friday, l’appuntamento più caldo dell’anno per il colosso dell’e-commerce, anche i 2.000 magazzinieri con contratti di somministrazione incrociano le braccia da oggi fino a domani mattina, unendosi alla protesta dei 1.650 dipendenti del centro di Amazon Italia a Castel San Giovanni (Piacenza), che impiega in totale 4000 persone tra ‘fissi’ e ‘occasionali’. Sono i cosiddetti “Green Badge”, i lavoratori ‘a tempo’ chiamati come rinforzi nei periodi più intensi dell’anno: Natale e, appunto, il Black Friday.

Si allarga lo sciopero ad Amazon. Il venerdì nerissimo dei magazzinieri
 Afp 
 Magazzino Amazon di Graben, in Germania

Proteste anche in Germania

Ma i lavoratori dell’astronave di Piacenza – come viene soprannominato il centro – non sono soli. Anche in Germania il Black Friday è più nero che mai con i lavoratori che hanno incrociato le braccia in 6 siti:

  • Bad Hersfeld
  • Lipsia
  • Rheinberg
  • Werne
  • Creuser
  • Koblenz

“Questo è il giorno migliore per farci sentire e fare pressione su Amazon, che ci ignora da anni, mentre i problemi dei dipendenti, compresa la salute, sono continui, qui come nel resto del mondo”, ha dichiarato un portavoce di Verdi, il principale sindacato dei servizi tedesco.

Si allarga lo sciopero ad Amazon. Il venerdì nerissimo dei magazzinieri
 Afp 
 Stabilimento Amazon a nord di Londra 

Il sindacato – spiega il Sole24Ore - che sostiene di raggiungere un tasso di affiliazione di circa il 35% in Amazon Germania, chiede l’attuazione di un primo accordo collettivo con il colosso americano, incentrato sulla salute dei propri dipendenti.

In Italia lo sciopero è stato proclamato dalle sigle Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs insieme alle categorie dei somministrati Felsa Cisl, Nidil Cgil Uiltemp. “Purtroppo per Amazon non solo il lavoro è una merce, ma anche il lavoratore lo è, ed è una merce deperibile: fintanto che tu lavoratore sei funzionale ai ritmi dell’azienda sei Ok. Se ti “rompi”, svanisce l’incantesimo”, sostengono i sindacati.

Si allarga lo sciopero ad Amazon. Il venerdì nerissimo dei magazzinieri
 Afp 
 Stabilimento Amazon a nord di Londra 

Per cosa si sciopera

Sul tavolo dei sindacalisti ci sono due dossier: la prima riguarda i contratti dei 1650 lavoratori a tempo indeterminato ai quali si applica il contratto nazionale del Commercio. I magazzinieri di Amazon Italia sono impegnati su tre turni di lavoro (6-14, 14.30-22.30, 23-6), e guadagnano tra i 1.100 e i 1.200 euro netti al mese per 14 mensilità. Il problema, paradossalmente, nasce dal contratto collettivo nazionale di lavoro del settore terziario e del commercio con cui sono inquadrati i dipendenti. “Amazon non riguarda il comparto logistico, ma quello del terziario e la paga prevista dal CCNL è di circa 1200/1250 euro al mese, ma noi chiediamo l’applicazione di un contratto di secondo livello che preveda condizioni economiche più equilibrate e che però l’azienda si rifiuta di applicare perché per legge è tenuta ad applicare solo quello nazionale”, spiega a La Stampa Pino Di Rosa, rappresentante territoriale di UGL TERZIARIO.

E poi c’è la questione dei cosiddetti somministrati per i quali le sigle Felsa Cisl, NIdiL Cgil e Uiltemp chiedono di ”aprire un percorso per dare stabilità e continuità all’occupazione e condizioni di lavoro decenti in Amazon”.  

Turni disumani?

 E poi ci sono le difficili condizioni di lavoro: “Dentro Amazon si resiste in media 3 anni - racconta Francesca Benedetti rappresentante territoriale FISASCAT CISL - Esistono delle eccezioni, io ho almeno tre delegati sindacali che lavorano da 5 anni in Amazon ma con dei sacrifici fisici enormi”. Di frequente, poi, i dipendenti lamentano polsi infiammati, attacchi di panico, turni di notte per un mese di seguito senza quasi stop. Le fa eco Di Rosa: “In Amazon non c’è un minuto in cui si sta fermi. E durante le feste, i saldi o il Natale questi ritmi aumentano: c’è una richiesta enorme di produttività da parte di Amazon ai suoi dipendenti a cui però non corrisponde una contropartita in termini di premi, bonus o condizioni sostenibili per quanto riguarda i turni”. E non si tratta di un’anomalia italiana: anche in Germania “Amazon sta giocando con la salute. La pressione per fare di più in un minimo tempo, le valutazioni delle prestazioni e il monitoraggio sono già una realtà mentre i tempi di recupero concessi sono insufficienti”, denuncia il sindacato Verdi in un comunicato.

Amazon: “Salari più alti del settore”

Per Amazon, i salari dei suoi dipendenti “sono i più alti del settore della logistica e sono inclusi benefit come gli sconti per gli acquisti su Amazon.it, l'assicurazione sanitaria privata e assistenza medica privata". E ancora: “In Italia così come avviene negli altri Paesi in Europa in cui siamo presenti, manteniamo relazioni con le rappresentanze dei lavoratori e le organizzazioni sindacali; allo stesso tempo portiamo avanti la nostra politica di porte aperte che incoraggia i dipendenti a trasferire commenti, domande e preoccupazioni direttamente al proprio management team. Crediamo fermamente che questo rapporto diretto sia il modo più efficace per capire e rispondere alle esigenze del nostro personale”.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it