Unicusano sta registrando un boom di iscritti. Il 70% dei laureati è assunto

Mentre gli atenei di tutta Italia vivono un momento di forte spopolamento (secondo la recente indagine AlmaLaurea si parla addirittura di un -13%), l’università telematica di Roma ha registrato cifre incoraggianti: +118% di nuove matricole in cinque anni, circa 70% di laureati impiegati post lauream

unicusano laureati assunti
Unicredit
Il career day di Unicusano

Se il possesso di una laurea rappresenta il miglior biglietto da visita per accedere al mondo del lavoro, gli atenei italiani devono però fare i conti con la diminuzione del numero di matricole e i minori investimenti. Secondo una recente indagine di AlmaLaurea, infatti, sebbene il 72% dei laureati di primo livello e il 69,4% di quelli di secondo livello nel 2018 abbia trovato occupazione, negli ultimi 15 anni le università hanno perso 40 mila matricole (-13%).

Un fenomeno che non tocca però il mondo delle università telematiche e in particolare l’Università Niccolò Cusano che, soltanto nell’ultimo quinquennio, ha fatto registrare un incoraggiante +118% di nuovi studenti e, rispetto a due anni fa, l’incremento è stato del 20%, arrivando a contare oggi oltre 30 milacorsisti in tutta Italia.

Di questi – ed è l’altro dato in controtendenza rispetto allo studio di AlmaLaurea – il 76% segue le lezioni nel Centro-Sud d’Italia, il 23% è originario del Nord e l’1% è attivo all’estero. La fotografia scattata dal consorzio interuniversitario mostra, invece, come il 26,4% dei giovani preferisca abbandonare il Mezzogiorno per laurearsi al Nord. A rincarare la dose è poi la Svimez (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno) che evidenzia come, tra il 2002 e il 2017, il Meridione abbia perso più di 600 mila giovanie più di 240 mila laureati, pari a una diminuzione in termini economici di oltre 30 miliardi di euro.

A fronte di questi dati l’Unicusano sta vivendo il suo momento d’oro. Forte di un’offerta formativa più ampia e delle 40 sedi sparse sul territorio nazionale, l’ateneo ha gettato solide basi per collegare il mondo universitario alle imprese. Momento clou di queste relazioni è stato il Career Day di martedì 11 giugno al Campus di Roma, occasione per migliaia di studenti da tutta Italia perché aziende come BMW, Generali, Tim o Lidl hanno selezionato un centinaio di giovani talenti da inserire in organico. Sono tante le storie di chi è riuscito a realizzarsi nel lavoro dopo essersi formato all’Unicusano. C’è chi ha sfruttato la laurea in Economia per lanciare nuovi progetti imprenditoriali e chi ha fatto tesoro del percorso in Giurisprudenza per la costituzione di startup. C’è chi ha fatto strada nelle Risorse umane grazie alla laurea in Psicologia e chi ha ottenuto ruoli di responsabilità nel settore ingegneristico.

Un’attenzione che è cresciuta nel tempo proprio grazie al successo che l’università telematica sta riscontrando nelle diverse parti d’Italia. Oggi l’Unicusano conta circa 30 mila studenti suddivisi nei 24 corsi di laurea e 13 mila, invece, si sono iscritti a uno dei 150 master e corsi di perfezionamento. Una crescita esponenziale che ha fatto gola a imprese e società di servizio. Flessibilità del metodo di studio, eccellenza della didattica (è l’unica università italiana a garantire 700 ore di insegnamento annuale contro le 120 offerte in media), presenza di un campus con attività extra-studio e residenze e internazionalizzazione dell’Ateneo in Paesi come Francia e Gran Bretagna sono alla base di questo successo.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it