Polizia all'attacco in Nicaragua, un bimbo di 15 mesi tra le 8 vittime

Polizia all'attacco in Nicaragua, un bimbo di 15 mesi tra le 8 vittime

Almeno otto persone, tra cui un bambino di 15 mesi, sono state uccise nelle operazioni di polizia e paramilitari di sabato in Nicaragua, segnalando una repressione rinnovata contro gli oppositori al presidente del Nicaragua Daniel Ortega. Il totale delle vittime dall'inizio delle proteste del 18 aprile per chiedere che il presidente Ortega e di sua moglie Rosario Murillo, vicepresidente, se ne vadano, supera i 200 decessi.

L'ultimo bilancio è di otto morti, di cui sette a Managua e uno nella città ribelle di Masaya, a sud della capitale, riferisce il Centro per i diritti umani del Nicaragua (CENIDH). Nella notte tra venerdì e sabato, le forze dell'ordine e i gruppi paramilitari hanno lanciato un attacco contro gli studenti trincerati nei locali dell'Università Nazionale Autonoma del Nicaragua (UNAN), a sud-ovest di Managua, così come sei quartieri nella parte orientale della capitale, secondo la testimonianza degli studenti, confermata dall'organismo per i diritti umani. "Ci attaccano dall'una di notte (...) Ci sono anche cecchini, siamo sulle barricate", ha testimoniato un giovane, il volto mascherato, in una diretta su Facebook. "Sparano per uccidere, stanno massacrando la gente, i giovani, siamo assediati, è una guerra impari", ha aggiunto.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it