La manovra potrebbe interrompere la luna di miele tra governo e Paese

La supermedia dei sondaggi mostra, per la prima volta, una frenata nei consensi dei due partiti di maggioranza

sondaggi governo manovra

La manovra economica rischia di trasformarsi rapidamente nel primo, serio inciampo per il governo guidato da Giuseppe Conte. Per la prima volta dalla sua formazione, il “governo del cambiamento” riceve dai sondaggi un campanello d’allarme, e per la prima volta dal voto del 4 marzo i due partiti che lo sostengono (Lega e Movimento 5 Stelle) conoscono una battuta d’arresto.

Andiamo con ordine. Il colpo d’occhio della nostra Supermedia settimanale dei sondaggi ci dice che tutto resta sostanzialmente immobile rispetto alle scorse settimane, con la Lega saldamente in testa (31,4%) e il M5s alle sue spalle (28,6%), per un totale che ammonta esattamente ad un elevatissimo – e confortevole – 60% per i due partiti di governo. Per contro, le opposizioni sembrano in sofferenza, con il PD e Forza Italia che perdono terreno – seppur in misura contenuta – piazzandosi rispettivamente poco sopra il 16% e un soffio sotto il 9%.

Ma la nostra Supermedia è (per scelta dichiarata e ragionata) una media ponderata basata su un periodo di tempo tale da consentirci di rilevare le tendenze effettive e non gli scostamenti di breve periodo, che spesso non sono altro che il frutto di oscillazioni statistiche poco significative. Per capire dove sta la notizia con cui abbiamo aperto la nostra analisi dobbiamo andare più a fondo, e guardare innanzitutto alla data di realizzazione delle rilevazioni dei singoli istituti. Scopriamo così che, sugli 8 sondaggi su cui è calcolata la Supermedia odierna, i 4 più recenti (EMG, Tecnè, SWG e Noto) rilevano tutti un calo di oltre 1 punto per la Lega, e di oltre mezzo punto (tranne EMG) per il M5s. Normalmente riteniamo il dato aggregato quindicinale più affidabile per fare delle valutazioni, ma in questo caso si tratta di un “grappolo” di dati, coerenti e ravvicinati tra loro, di cui non possiamo non tener conto.

A ciò si aggiunga che, come mostra il nostro grafico dello storico, da circa un mese (e cioè dalla fine della pausa estiva) Lega e M5s sono rimasti sostanzialmente stabili, tra il 59 e il 60 per cento dei consensi. Un valore certamente molto elevato, ma la cui crescita si è di fatto interrotta.

Ma cosa può aver causato questa battuta d’arresto (o questo rallentamento, nella più benevola delle ipotesi)? La risposta è strettamente legata al tema che ormai da qualche settimana sta dominando l’agenda del governo, e cioè la manovra economica. Da questo punto di vista il dato forse più clamoroso emerge da una rilevazione dell’istituto Tecnè. Secondo questa rilevazione (datata 8 ottobre) il numero di italiani che esprime un giudizio favorevole verso la manovra economica è inferiore (40%) a quello di chi invece la boccia (42%). Se si trattasse solo di un sondaggio isolato, probabilmente non vi daremmo molto peso: ma lo stesso istituto, soltanto una settimana prima, aveva fotografato una situazione inversa, con i giudizi favorevoli (42%) ben superiori a quelli critici (36%). Anche i singoli provvedimenti da inserire nella manovra (per ora solo paventati) ricevono, per la prima volta in un’inchiesta demoscopica, giudizi in prevalenza negativi, e in modo anche piuttosto netto.

I dati di Tecnè ci dicono anche di un altro elemento da non sottovalutare: e cioè che la grande maggioranza degli italiani è pessimista – o quantomeno tutt’altro che ottimista – sulle prospettive economiche del nostro Paese. Meno di un quarto degli intervistati (24%) pensa che nei prossimi 12 mesi la situazione economica sia destinata a migliorare; ma soprattutto solo il 4% crede che la crisi economica sia ormai alle nostre spalle, mentre per il 58% essa è tutt’ora in corso e per un ulteriore 14% addirittura il peggio deve ancora arrivare. Questo ci suggerisce che gli italiani non vedono di buon occhio i tentativi del governo di “forzare la mano” nella battaglia contro l’Europa e i mercati finanziari: meglio non giocare col fuoco quando la casa non è ancora a prova di incendio. Per molti potrebbe trattarsi di un azzardo troppo grande.

E che l’economia sia un argomento delicato per gli italiani lo conferma un articolato studio condotto da Media Communication Research per il quotidiano La Stampa. Secondo questo studio, il problema principale percepito degli italiani è il lavoro: lavoro che non c’è, o che non dà sicurezze. Una materia strettamente connessa a quella della crescita e della prosperità economica. A confronto, argomenti di cui la politica nazionale si è spesso occupata, come l’immigrazione o la criminalità, costituiscono la principale fonte di inquietudine per una ristretta minoranza di italiani (meno del 6 e 5 per cento rispettivamente). Insomma, se non vorrà perdere consensi il governo giallo-verde dovrà impegnarsi a dare risposte credibili per risollevare – o per non mettere a rischio, a seconda dei punti di vista – la situazione economica del Paese.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.