Riuscirà Pietro Grasso a diventare il Jeremy Corbyn italiano?

Domenica il presidente del Senato ha tracciato la linea politica. Quella di comunicazione è già affissa sui manifesti elettorali

grasso leu corbyn

"Voglio tornare a essere attivista, come lo ero a vent'anni". Il presidente del Senato Pietro Grasso parla da "ragazzo di sinistra", come lui stesso si era definito la scorsa estate lasciando intuire la propria discesa in campo a fianco degli ex-scissionisti Pd come candidato premier. Lo ha fatto domenica scorsa di fronte alla platea dei delegati di Liberi e uguali, convenuti all'hotel Ergife di Roma per l'assemblea nazionale, con un intervento relativamente breve e asciutto nello stile. Che non ha però lesinato bordate da campagna elettorale agli avversari e proposte forti, come quella sull'abolizione totale delle tasse universitarie, mutuata dal leader laburista britannico Jeremy Corbyn, il cui slogan elettorale campeggiava dietro al palco, stabilendo anche visivamente una connessione col modello inglese. I giornalisti chiedono delle alleanze, ma all'Ergife il mantra è stato "si vedrà dopo il 4 marzo".

Lo ripete lo stesso Grasso: "Di alleanze si parlerà dopo il 4 marzo, saremo aperti e inclusivi per tutti quelli che la pensano come noi". Solo Pierluigi Bersani si spinge oltre, affermando che Leu "parlerà con tutti, tranne con la destra ma per una questione di igiene mentale". "Sarò felice di essere il vostro caposquadra", ha detto Grasso prima di illustrare la piattaforma programmatica di Leu e di citare apertamente Corbyn, affermando che la sua formazione lotterà "per i molti non per i pochi", e che "il nostro impegno non finirà il 4 marzo, perchè abbiamo un progetto molto più ambizioso".

Il neoleader ha provato a galvanizzare i suoi: "Ci aspettano settimane di intensissimo lavoro. È solo l'inizio per cambiare l'Italia, per dare una svolta. Vedo gente rassegnata, impaurita, delusa, con lo sguardo basso. I populismi soffiano sulle paure e noi abbiamo il coraggio di reagire e porre rimedio a tutto ciò. Siamo eredi degli uomini e delle donne che 70 anni fa ci liberarono dal fascismo dandoci la libertà, siamo orgogliosi di credere nella democrazia parlamentare e pronti a lottare fino in fondo per realizzare i principi della costituzione".

Al momento di declinare le proposte, è arrivata la staffilata: "Faremo proposte serie e concrete, a differenza delle irrealizzabili favole che raccontano gli altri partiti. Renzi - attacca Grasso - ha detto che vuole abolire il canone Rai dopo averlo messo in bolletta pochi mesi fa. Berlusconi ne ha dette così tante in 25 anni, scegliete voi la più clamorosa. Salvini per qualche voto in più se la prende con lo Ius Soli, e il Movimento 5 Stelle cambia sempre idea. Noi siamo l'unica alternativa credibile".

Qualche secondo dopo, però, ecco la proposta di abolire tutte le tasse universitarie, su cui già si sta sviluppando un dibattito (anche interno, stando a quanto affermato da Vincenzo Visco) sull'effettiva realizzabilità, che secondo Grasso "costerà 1,6 miliardi di euro".

Altro elemento fondamentale della piattaforma di Leu, il lavoro, con lo smantellamento del renziano Jobs act: "La nostra battaglia - assicura Grasso - sarà far tornare prevalenti i contratti a tempo indeterminato. Serve un nuovo contratto a tutele crescenti, che reintroduca le garanzie tolte dal Jobs Act. Gli altri aboliscono le tasse, noi aboliamo il precariato". Un occhio di riguardo, dato il passato da magistrato, sarà ovviamente riservato alla lotta "senza quartiere" all'evasone, dove si pensa di recuperare 50 miliardi, e alla selezione dei candidati, per i quali "non basterà quanto previsto dalla legge Severino".  Sull'Europa, per Grasso "l'Italia non potrà avere un futuro fuori dalla Ue ma la Ue non potrà avere un futuro senza rivedere in profondità i trattati e senza chiudere con l'austerità".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it