L'Europa apra un tavolo per la gestione degli algoritmi

Un tavolo comunitario sul tema dovrà essere solo un primo passo verso una negoziazione globale

L'Europa apra un tavolo per la gestione degli algoritmi

 

È il momento di costruire un tavolo di esperti europeo per regolare la gestione degli algoritmi. Questo penso sia agire con intelligenza. Intanto io parlo di inconscio digitale ( tutto quello che si sa di te e che tu non sai) da almeno un quinquennio e solo quest’anno Soro, Garante per la privacy, mi ha citato nella sua relazione annuale. Facebook ha avuto conferme della cancellazione dei dati, certo non ha controllato a dovere ma il problema fa parte della trasformazione in corso che va gestita ed è molto più grande, mi riferisco all’uso inevitabile degli algoritmi.

Il caso Facebook-Cambridge Analytica ha fatto emergere l’enorme valore dei dati e il loro uso che per ora non è né legale né  illegale. Io credo che basterebbe riprendere il referendum sulla Brexit, questa volta, con i social sotto controllo per avere una risposta. Consiglio alla May di saltare su questo carro e riproporre la votazione.  Oggi la "overreaction", come dicono gli inglesi, rende tutto più esplosivo. Viviamo in un sistema limbico, dove l’emozione grazie alla rete si espande e coinvolge velocemente tanti.  Calmiamoci e costruiamo, grazie all’Europa, un tavolo di esperti e poi apriamolo all’Inghilterra, agli Usa, alla Cina e a tutti il mondo per una negoziazione globale sull’uso degli algoritmi.
E non dimentichiamo il primo eclatante uso dei Big Data fatto da Obama nel  2012 per la sua ri-elezione. Oggi è suonata la sveglia, vogliamo ignorarla?



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it