Mafia: cosa sta succedendo al mercato ortofrutticolo di Vittoria. Il servizio di Tg2000

16 ottobre 2018,13:25

 

"Nel Comune di Vittoria abbiamo trovato un mercato ortofrutticolo dove non venivano fatti più i controlli soprattutto negli accessi. Poteva entrare chiunque e si poteva uscire con qualsiasi cosa”. Così il viceprefetto e commissario del Comune di Vittoria, Giancarlo Dionisi, nell’inchiesta di Paolo Borrometi per il Tg2000, il telegiornale di Tv2000, ha sottolineato la situazione disastrosa del Comune di Vittoria sciolto per mafia con un decreto del Consiglio dei Ministri. Vittoria è il Comune del mercato ortofrutticolo più importante del Sud, secondo per importanza in Italia. Il luogo dal quale partono la frutta e la verdura che finisce sulla tavola di migliaia di consumatori italiani. Il Comune siciliano è ora sotto la gestione di tre commissari prefettizi nominati dal ministero dell’Interno: Filippo Dispenza, Giancarlo Dionisi e Gaetano D'Erba.
“Abbiamo trovato problematiche – ha proseguito Dionisi - sui controlli amministrativi, sui prodotti, e sull’informazione dei prezzi. Tutte cose che non venivano fatte da anni. Abbiamo attivato subito i controlli con la Polizia municipale ai varchi in entrata e in uscita ed effettuato controlli tecnici-amministrativi, sulle licenze, sui permessi di vendita, sulla qualità dei prodotti. Stiamo riattivando quelle regole che per tanti anni sono mancate”.
 



16 ottobre 2018,13:25

 

"Nel Comune di Vittoria abbiamo trovato un mercato ortofrutticolo dove non venivano fatti più i controlli soprattutto negli accessi. Poteva entrare chiunque e si poteva uscire con qualsiasi cosa”. Così il viceprefetto e commissario del Comune di Vittoria, Giancarlo Dionisi, nell’inchiesta di Paolo Borrometi per il Tg2000, il telegiornale di Tv2000, ha sottolineato la situazione disastrosa del Comune di Vittoria sciolto per mafia con un decreto del Consiglio dei Ministri. Vittoria è il Comune del mercato ortofrutticolo più importante del Sud, secondo per importanza in Italia. Il luogo dal quale partono la frutta e la verdura che finisce sulla tavola di migliaia di consumatori italiani. Il Comune siciliano è ora sotto la gestione di tre commissari prefettizi nominati dal ministero dell’Interno: Filippo Dispenza, Giancarlo Dionisi e Gaetano D'Erba.
“Abbiamo trovato problematiche – ha proseguito Dionisi - sui controlli amministrativi, sui prodotti, e sull’informazione dei prezzi. Tutte cose che non venivano fatte da anni. Abbiamo attivato subito i controlli con la Polizia municipale ai varchi in entrata e in uscita ed effettuato controlli tecnici-amministrativi, sulle licenze, sui permessi di vendita, sulla qualità dei prodotti. Stiamo riattivando quelle regole che per tanti anni sono mancate”.