Al Bioparco di Roma sono arrivati i pinguini



27 dicembre 2018,15:01

Roma - Il Bioparco di Roma ha nuovi amici: il parco zoologico di Roma, infatti, ha accolto nove coppie di pinguini del Capo (Spheniscus demersus), provenienti dallo Zoo di Bristol e da Zoom Torino. I pinguini del Capo sono animali a serio rischio di estinzione: all’inizio del XX secolo se ne contavano 2 milioni e mezzo, oggi ne sopravvivono appena 50 mila. Tra le principali cause del drastico declino di questi uccelli c’è l’inquinamento petrolifero, l’invasione delle plastiche nel mare, il prelievo illegale delle uova e la riduzione delle prede causata dall’attività antropica. Curiosità: il pinguino del Capo è l’unico pinguino africano ed è distribuito principalmente lungo le coste del Sud Africa e della Namibia, in ambienti di clima temperato, molto simile a quello mediterraneo. Nonostante siano uccelli, i pinguini sono incapaci di volare; nel corso dell’evoluzione le ali si sono trasformate in pinne.



27 dicembre 2018,15:01

Roma - Il Bioparco di Roma ha nuovi amici: il parco zoologico di Roma, infatti, ha accolto nove coppie di pinguini del Capo (Spheniscus demersus), provenienti dallo Zoo di Bristol e da Zoom Torino. I pinguini del Capo sono animali a serio rischio di estinzione: all’inizio del XX secolo se ne contavano 2 milioni e mezzo, oggi ne sopravvivono appena 50 mila. Tra le principali cause del drastico declino di questi uccelli c’è l’inquinamento petrolifero, l’invasione delle plastiche nel mare, il prelievo illegale delle uova e la riduzione delle prede causata dall’attività antropica. Curiosità: il pinguino del Capo è l’unico pinguino africano ed è distribuito principalmente lungo le coste del Sud Africa e della Namibia, in ambienti di clima temperato, molto simile a quello mediterraneo. Nonostante siano uccelli, i pinguini sono incapaci di volare; nel corso dell’evoluzione le ali si sono trasformate in pinne.