Il Settebello vince la sua prima World League battendo gli Usa

Il Settebello vince la sua prima World League battendo gli Usa

Nella finale di Strasburgo la nazionale di pallanuoto del ct Alessandro Campagna ha sconfitto gli Stati  Uniti 13 a 9, con i paziali 1-2, 3-2, 6-1, 3-4.

settebello vince la sua prima world league

© GABRIEL BOUYS / AFP 
- Alessandro Campagna 

AGI - Il Settebello ha vinto la World League di pallanuoto, la prima della sua storia dopo tre argenti. Nella finale disputata nella piscina Kibitzenau di Strasburgo, la squadra del ct Alessandro Campagna ha battuto
13-9 gli Stati Uniti, con i paziali 1-2, 3-2, 6-1, 3-4.

Il match ha preso la svolta verso l'Italia nel terzo periodo, con gli azzurri che hanno dominato e chiuso sul 6-1 scavando il solco, ampliato all'inizio dell'ultimo periodo da Marziali e Di Somma che hanno firmato il +7 (12-5). Gli Stati Uniti hanno avuto una reazione d'orgoglio segnando quattro reti di fila (12-9), ma Presciutti ha messo in porta la rete del definitivo 13-9. In precedenza, la Spagna si era aggiudicata la finale per il terzo battendo i padroni di casa della Francia per 11-8. 

"Abbiamo disputato una bellissima partita, soprattutto in fase difensiva", il commento del ct Campagna, "abbiamo contenuto molto bene Hallock, con tanti giocatori che spesso si sono sacrificati in marcatura. All'inizio eravamo bloccati in attacco, ma poi ci siamo sciolti e abbiamo anche dominato. Potevamo vincere anche con un maggior numero di gol. Alla fine abbiamo accusato un po' la stanchezza, direi fisiolofica dopo tante partite ravvicinate".

"La squadra è stata allenata e preparata alla perfezione", si è complimentato il presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli, "sono arrivati alla finale con gli Stati Uniti in condizioni eccellenti, dopo un mondiale e un common training in America ed hanno meritato di conquistare quello che rappresentava l'ultimo trofeo mancante nella bacheca azzurra: la World League. La semifinale con la Spagna ha riacceso in tutti noi i ricordi e le emozioni vissute meno di un mese fa a Budapest in occasione della finale mondiale. Questa volta abbiamo vinto noi e lo abbiamo fatto con grande merito".

"Questo nuovo successo dimostra, ancora una volta, che il sistema federale funziona", ha aggiunto, "i nostri tecnici, atleti e dirigenti sono tra i migliori al mondo, tra i più richiesti ed esperti: di questo siamo orgogliosi. Dobbiamo andare avanti così. Prossimo obiettivo gli Europei a Spalato. Forza ragazzi".