Le polemiche per la terza maglia 'saudita' del Newcastle

Le polemiche per la terza maglia 'saudita' del Newcastle

La terza maglia del Newcastle United è bianca con i bordi e lo stemma verde, un chiaro omaggio alla proprietà che dall'ottobre 2021 è del consorzio guidato dal fondo sovrano Public Investment Fund (Pif) che fa capo al principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohamed Bin Salman

calcio polemicaper terza maglia saudita del newcastle

© Oli SCARFF / AFP 
- Un tifoso del Newcastle United 

AGI - Polemica in Inghilterra per la terza maglia del Newcastle United, bianca con i bordi e lo stemma verde, che non ha nulla a che fare con i colori delle Magpies ma è identica alla maglietta della nazionale dell'Arabia Saudita.

Un chiaro omaggio alla proprietà che dall'ottobre 2021 fa capo a Riad con un consorzio guidato dal fondo sovrano Public Investment Fund (Pif) che fa capo al principe ereditario, Mohamed Bin Salman.

A maggio era uscita un'anticipazione, ora ufficilizzata dal club del nord dell'Inghilterra, che aveva disorientato i tifosi delle 'gazze' e suscitato le critiche di Amnesty International secondo cui "è la chiara prova della potenza dei petroldollari e della determinazione del Regno saudita a fare 'sportwashing'", a lavare cioè con lo sport "le sue brutali e sanguinose violazioni dei diritti umani".

Il presidente inglese del club di Premier League, Eddie Howe, ha detto di essere a conoscenza delle "critiche" ma ha spiegato che non è stato coinvolto nella decisione": "Sapevamo che in Arabia Saudita c'è grande interesse e suppongo che chi ha realizzato il kit ne ha probabilmente tenuto conto".

A suo tempo la Premier League aveva autorizzato il cambio di proprietà del Newcastle dopo aver ricevuto "assicurazioni vincolanti" che i sauditi non avrebbero controllato il club.

Il consorzio di Riad ha acquistato l'80% dei Magpies, mentre il resto è stato diviso tra PCP Capital Partners e RB Sports & Media, entrambe con una quota del 10%.