Doppio trionfo per Marquez in Giappone

Con la decima vittoria stagionale dello spagnolo, la Honda porta a casa il titolo costruttori. Rossi cade a quattro giri dalla fine

marquez gp giappone

Doppio trionfo per Marc Marquez e la Honda nel Gran Premio del Giappone: il campione del mondo spagnolo ha ottenuto il decimo trionfo stagionale, il 54mo in carriera (eguagliati Mick Doohan e Dani Pedrosa), e la casa nipponica ha festeggiato il titolo iridato costruttori. Sul circuito di Motegi, Marquez ha dominato dall'inizio alla fine chiudendo davanti al francese della Yamaha Petronas Fabio Quartararo e ad Andrea Dovizioso. Delusione per Valentino Rossi finito sulla ghiaia per una caduta a quattro giri dalla fine quando era undicesimo. Quinta posizione per Franco Morbidelli.

"A due giri dalla fine si è acceso l'allarme benzina, ma ho fatto un giro pulito e sono riuscito a terminare senza problemi", ha raccontato Marquez, "se avessi forzato di più non sarei riuscito a finire la gara: è stata una bella vittoria, ma non è stato semplice. Mi sono sentito forte fin dal warm-up e le sensazioni sono state confermate in gara, ma ero al limite con il carburante e questo è uno dei circuiti peggiori. Ho guadagnato dei secondi importanti di margine durante la gara, ma non è stato semplice gestire il passo. Poi ho fatto contento il numero uno della Honda che mi aveva chiesto di vincere il Mondiale costruttori".

Per Dovizioso il centesimo podio in carriera consolida il secondo posto in classifica generale: "Volevo arrivare secondo, ma non ci sono riuscito. Sono comunque contento perché abbiamo faticato nel weekend, ma in gara siamo riusciti a trovare il ritmo e a centrare la scelta giusta sulle gomme".

Rossi amareggiato per la gara e la caduta: "Sono partito non benissimo, dietro la lotta è selvaggia ed eravamo nella giungla. Mi sono toccato con una Ktm e ho perso un po'. Ho lottato con Petrucci, poi alla fine alla curva 1 devo aver fatto un piccolo errore, ma a parte la caduta e' stata una gara molto difficile e il mio passo non era niente di che".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it