Milan: Essien "Arrivare tra prime 2-3, Torres fara' bene"

(AGI) - Roma, 24 set. - Obiettivo Champions. Fermo per unproblema al piede e finora utilizzato solo per poco piu' di unaventina di minuti con la Lazio, Michael Essien scalpita: "Sperodi contribuire in qualsiasi modo ai successi del Milan e dichiudere il campionato fra le prime due-tre - racconta aFifa.com - le speranze di fare bene sono tante e il miocompito, cosi' come quello di qualsiasi altro giocatore delMilan, e' lottare per la squadra quando chiamati in causa, inmodo da poter vincere come gruppo". Arrivato a gennaio dalChelsea, il 32enne centrocampista

(AGI) - Roma, 24 set. - Obiettivo Champions. Fermo per unproblema al piede e finora utilizzato solo per poco piu' di unaventina di minuti con la Lazio, Michael Essien scalpita: "Sperodi contribuire in qualsiasi modo ai successi del Milan e dichiudere il campionato fra le prime due-tre - racconta aFifa.com - le speranze di fare bene sono tante e il miocompito, cosi' come quello di qualsiasi altro giocatore delMilan, e' lottare per la squadra quando chiamati in causa, inmodo da poter vincere come gruppo". Arrivato a gennaio dalChelsea, il 32enne centrocampista ghanese ha voglia di dare ilsuo contributo alla causa Milan e aspetta solo che Inzaghi glidia una chance. Come tanti altri rossoneri, Essien vuoleriscattare la deludente stagione passata e l'obiettivo e'tornare in Europa dalla porta principale. "Il fatto di nongiocare le coppe ci aiutera' anche se avremmo preferito esserein Europa - continua Essien - dobbiamo guardare avanti senzadimenticare pero' che c'e' da lavorare duramente per poter farebene in campionato. Non essere in Europa non significaautomaticamente che faremo bene in serie A, significa cheavremo meno partite e piu' tempo per recuperare rispetto a chigioca le coppe ma c'e' da lavorare tanto e cogliere leopportunita' che si presenteranno nel corso della stagione".Positivo l'impatto con Inzaghi. "E' prima di tutto una bellapersona e poi sta facendo un buon lavoro anche come allenatore.E' abbastanza giovane ma non ho dubbi che fara' bene secontinua cosi'. Non e' facile allenare, soprattutto un grandeclub come il Milan, per cui ho tanto rispetto nei suoiconfronti per aver accettato la sfida e per dare tutto quelloche ha". Essien ha ritrovato in rossonero Alex, Torres e VanGinkel, gia' suoi compagni a Stamford Bridge. "Parliamo sempredei nostri giorni al Chelsea, speriamo di poter rivivere queigiorni di gloria qui al Milan", confessa il centrocampistaghanese, pronto a scommettere sul rilancio del Nino, ieri gia'a segno all'esordio."Spero che Torres faccia bene per il Milane per se stesso, perche' e' un grande attaccante e trarremobeneficio dai suoi gol. E' un lavoratore instancabile, inpartita in allenamento, e sono convinto che segnera'parecchio". Brucia ancora la delusione mondiale, dove tral'altro Essien ha avuto un ruolo marginale causa problemifisici: "Mi e' dispiaciuto, sia a livello personale che disquadra visto che non abbiamo fatto bene come nei precedentitornei. Non siamo stati all'altezza delle aspettative. A partela gara con la Germania, dove avremmo anche potuto vincere, nonsiamo stati sufficienti al punto da meritare il passaggio delturno. Il futuro in nazionale? Ancora non ho deciso". (AGI)